John Wilkes Booth, l’assassino di Lincoln era un donnaiolo

di redazione Blitz
Pubblicato il 27 aprile 2018 5:56 | Ultimo aggiornamento: 27 aprile 2018 2:15
John Wilkes Booth, l'assassino di Lincoln era un donnaiolo

John Wilkes Booth, l’assassino di Lincoln era un donnaiolo

WASHINGTON – John Wilkes Booth, l’assassino di Abramo Lincoln, sembra fosse un donnaiolo impenitente: all’epoca della sua morte, avvenuta 12 giorni dopo aver sparato al presidente nel 1865, frequentava cinque donne, aveva provocato la rottura del rapporto tra due sorelle attrici innamorate di lui e aveva rischiato la vita accoltellato da un’amante gelosa che aveva poi tentato il suicidio.

Un nuovo libro dello storico E. Lawrence Abel, “John Wilkes Booth and the Women Who Love Him”, descrive le vicende amorose dell’attore ventiseienne che prima di sparare a Lincoln al Ford’s Theatre di Washington DC, aveva avuto relazioni con circa 24 donne. Secondo l’autore, Booth era un donnaiolo, nel periodo di massimo splendore della carriera d’attore era un’autentica celebrità.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela qui

Tutte le notizie di Ladyblitz in questa App per Android. Scaricatela qui

Quando recitava nella stagione teatrale, Booth viaggiava dall’autunno a primavera per il paese, trascorreva alcune settimane in una città recitando in produzioni con attori e attrici locali, secondo il Nuovo York Post che ha presentato in anteprima il libro di Lawrence. Il che significa che un giovane attraente come Booth stringeva delle relazioni con donne sempre nuove in ogni città.

Al momento della morte, avvenuta 12 giorni dopo aver sparato al presidente Lincoln nel 1865, sul corpo di Booth fu trovato un diario che conteneva le foto di cinque donne, tra cui Lucy Lambert Hale, figlia dell’ambasciatore di Lincoln in Spagna, che si credeva fosse la  fidanzata segreta. Le altre quattro foto erano di attrici con cui aveva recitato in tutto il paese, tra cui Fanny Brown, Alice Grey, Effie Germon e Helen Western, una delle due sorelle con cui ruppe nel 1861 scatenando tra di loro gelosia.

Helen e la sorella Lucille erano le “Star Sisters”. Le loro rappresentazioni all’epoca suscitarono delle polemiche perché spesso si travestivano da uomini, con indumenti leggeri. Helen, 19 anni, aveva riferito di essere intima con Booth, insieme si esibivano in una rappresentazione di due settimane a Portland, nel Maine: l’attrice interpretava Desdemona e Giulietta mentre Booth, Otello e Romeo.
Il loro rapporto amoroso avrebbe seminato discordia tra Helen e Lucille, che divenne gelosa del fatto che Booth preferisse sua sorella e mollò lo spettacolo. Le sorelle non si esibirono mai più insieme.

Nello stesso anno, Booth si esibì ad Albany con la 28enne Henrietta Irving e la sorella Marie. Henrietta e Booth avevano avuto una relazione, ma poi scoprì Booth mentre usciva furtivamente dalla stanza della sorella nell’hotel dove alloggiavano. Afferrò un coltello, provò ad ucciderlo ma lo colpì solo sul volto e tentò il suicidio; sopravvisse ma per riprendersi ci vollero due anni.

Anche dopo la morte di Booth, quando nel Nord era un personaggio odiato, molte donne continuavano a impazzire per lui, inclusa l’attrice newyorkese Maggie Mitchell una delle più celebri dell’epoca, stringeva una ciocca di capelli dell’attore, definendoli “i più adorabili del mondo”.

Quando uscì un report su una donna velata che singhiozzava mentre rendeva omaggio al corpo di Booth sulla nave che lo riportava a Washington, circolavano voci che il padre di Lucy Hale avesse fatto pressioni affinché lasciasse l’attore.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other