Assange, il Dipartimento di Giustizia Usa lo vuole accusare di spionaggio

di Redazione Blitz
Pubblicato il 28 novembre 2018 6:28 | Ultimo aggiornamento: 27 novembre 2018 18:35
Julian Assange, il dipartimento di Giustizia americano si prepara ad accusarlo di spionaggio (foto Ansa)

Julian Assange, il dipartimento di Giustizia americano si prepara ad accusarlo di spionaggio (foto Ansa)

ROMA – Il Dipartimento di Giustizia si sta preparando a perseguire il fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, ed è sempre più ottimista sulla riuscita dell’operazione che potrebbe portarlo davanti a un tribunale statunitense.

Secondo alcune fonti di Washington, come ha riportato il Wall Street Journal, i pubblici ministeri statunitensi hanno valutato diversi tipi di accuse contro Assange che vive a Londra nell’ambasciata dell’Ecuador da quando, nel 2012, ha ricevuto asilo politico dal paese sudamericano.

Secondo il Washington Post, i pubblici ministeri americani avrebbero ottenuto un atto d’accusa sigillato contro Assange, l’uomo che stava dietro il sito web responsabile della diffusione di migliaia di documenti riservati del governo Usa. Il vice procuratore generale degli Stati Uniti Kellen Dwyer aveva chiesto al giudice di secretare il fascicolo per “la complessa personalità della persona accusata e la pubblicità che circonda questo caso, non esiste altra procedura che possa mantenere riservato il fatto che Assange sia già stato incriminato”.

Lo sviluppo potrebbe far avanzare in modo significativo l’indagine sull’interferenza russa nelle elezioni del 2016 e avere importanti implicazioni per coloro che pubblicano i segreti governativi. “Successivamente Dwyer ha scritto che le accuse “avrebbero dovuto rimanere sigillate fino a quando Assange non fosse stato arrestato”. Dwyer è inoltre assegnato al caso WikiLeaks, le fonti hanno riferito che ciò che Dwyer stava rivelando era vero ma non intenzionale. I procuratori federali del distretto orientale della Virginia stanno indagando da tempo su Assange e, nel corso dell’amministrazione Trump, avevano valutato per una seconda volta se accusare i membri di WikiLeaks di una fuga di documenti diplomatici e documenti militari del 2010 che il gruppo aveva pubblicato. Gli investigatori avevano anche valutato se accusare Wikileaks di reato penale per la più recente rivelazione di cybertools sensibili della CIA.

Il procuratore speciale Robert S. Mueller ha inoltre esaminato la pubblicazione di e-mail del Comitato Nazionale Democratico e il resoconto del presidente della campagna elettorale di Hillary Clinton, John D. Podesta, pubblicate da WikiLeaks. I funzionari hanno affermato che le e-mail sono state violate da spie russe e trasferite su Wikileaks. Tra le altre cose, Mueller ha anche vagliato le comunicazioni tra il gruppo e i collaboratori del presidente Trump, compreso l’operatore politico Roger Stone e il commentatore e teorico della cospirazione Jerome Corsi. A luglio, l’ufficio di Mueller aveva accusato 12 spie militari russe di aver cospirato per hackerare i computer DNC, rubare i dati dell’organizzazione e pubblicare i file nel tentativo di bloccare le elezioni, e messo sotto accusa WikiLeaks, descritta solo come “Organizzazione 1”, la piattaforma con cui i russi rilasciavano le e-mail rubate. Non era immediatamente chiaro che cosa avrebbe dovuto affrontare Assange. In passato, i pubblici ministeri avevano preso in considerazione la possibilità di perseguirlo per cospirazione, furto di proprietà del governo o violazione della legge sullo spionaggio. Ma accusare il fondatore di WikiLeaks non era una conclusione scontata. Durante l’amministrazione Obama, il Dipartimento di Giustizia aveva concluso che perseguire Assange sarebbe stato come perseguitare un’organizzazione giornalistica. Ma nell’amministrazione Trump, l’allora procuratore generale Jeff Sessions aveva preso una posizione più aggressiva e promesso di reprimere tutte le falle del governo. Barry J. Pollack, uno degli avvocati di Assange, ha dichiarato:

“L’unica cosa irresponsabile, più che accusare una persona della pubblicazione di informazioni veritiere, sarebbe quella di presentare informazioni pubbliche che chiaramente non erano destinate al pubblico e senza alcun preavviso ad Assange. Ovviamente non ho idea se sia stato accusato o per cosa, ma l’idea che le accuse penali federali potrebbero essere basate sulla pubblicazione di informazioni veritiere è un precedente incredibilmente pericoloso”. Il deposito nel distretto orientale della Virginia è arrivato il 22 agosto è arrivato con un caso che combinava la sicurezza nazionale e il traffico sessuale. Seitu Sulayman Kokayi, 29 anni, è stato accusato di aver attirato una ragazza di 15 anni per fare sesso e mandargli selfie porno. Ma è stato sbattuto in carcere, in parte perché “ha un interesse rilevante in atti terroristici”, secondo il deposito della corte. Il suocero è stato condannato per atti terroristici. Il caso riguarda informazioni classificate in precedenza, secondo i documenti del governo, e i pubblici ministeri pianificano di utilizzare le informazioni ottenute ai sensi della Foreign Intelligence Surveillance Act. Kokayi è stato incriminato la scorsa settimana.

Il caso era rimasto secretato fino all’inizio di settembre ma da solo non aveva attirato l’attenzione. Seamus Hughes, vicedirettore del Program on Extremism alla George Washington University, noto per le sue ricerche in tribunale, su Twitter ha scherzato sull’apparente errore che l’ha portato all’attenzione dei giornalisti. Anche se accusato, non è sicuro che Assange sarà presente al processo negli Stati Uniti: da giugno 2012 vive nell’ambasciata dell’Ecuador a Londra, temendo che se dovesse uscire sarebbe arrestato. Quando ha cercato asilo all’ambasciata, stava affrontando la possibile estradizione in Svezia per un reato sessuale. Aveva affermato che il caso era un pretesto per quello che aveva predetto sarebbe stato l’arresto e l’estradizione negli USA.

Negli anni successivi, il caso svedese è stato chiuso, ma Assange ha detto che non può rischiare di lasciare l’ambasciata perché gli Stati Uniti tenterebbero di farlo arrestare e estradare con l’accusa di aver divulgato i segreti del governo americano. Gli Stati Uniti si sono sempre rifiutati di dire se ci sono delle accuse sigillate contro Assange. Se dovesse lasciare l’ambasciata e fosse arrestato dalle autorità britanniche, probabilmente si opporrebbe all’estradizione nei tribunali inglesi.