Kazakistan, telefonino esplode e uccide ragazzina di 14 anni

di Caterina Galloni
Pubblicato il 2 Ottobre 2019 6:30 | Ultimo aggiornamento: 2 Ottobre 2019 7:14
Telefonino killer kazakistan alua

La ragazzina uccisa dall’esplosione del telefonino in Kazakistan

ROMA – Telefonino killer: in Kazakistan, la 14enne Alua Asetkyzy Abzalbek è morta in seguito all’esplosione della batteria del suo smartphone messo in carica.

La tragedia è accaduta nel villaggio di Bastobe: l’adolescente aveva appoggiato lo smartphone sul cuscino e si era messa a letto ascoltando la musica ma la batteria è esplosa vicino alla sua testa.

Secondo la polizia, avrebbe subito lesioni devastanti e sarebbe deceduta sul colpo. A trovare il corpo senza vita sono stati i genitori che hanno immediatamente chiamato i soccorsi ma i medici non hanno potuto far altro che constatare il decesso della 14enne. La marca dello smartphone non è nota.

“Non riesco ancora a crederci. Eri la migliore. Siamo state insieme fin dall’infanzia ed ora è davvero difficile stare senza di te”, ha scritto Ayazhan Dolasheva, la migliore amica di Alua, su Facebook. (Fonte: Daily Mail )