Kim Jong-nam, il fratellastro di Kim Jong-un aveva con sé l’antidoto al veleno che lo ha ucciso

di Redazione Blitz
Pubblicato il 2 dicembre 2017 6:16 | Ultimo aggiornamento: 1 dicembre 2017 14:28
kim-jong-nam

Kim Jong-nam, il fratellastro di Kim Jong-un aveva con sé l’antidoto al veleno

PECHINO – Kim Jong-nam, il fratellastro di Kim Jong-un avvelenato (con l’agente nervino Vx) e ucciso lo scorso 13 febbraio all’aeroporto di Kuala Lumpur, aveva con sé l’antidoto al veleno e poteva salvarsi. Ma probabilmente non lo usò perché pensava si trattasse di uno scherzo.

Questo quanto emerso nel processo in corso alla Shah Alam High Court, in Malaysia, a carico di Siti Aisyah e Doan Thi Huong, le due donne indonesiana e vietnamita accusate dalla polizia malese d’aver materialmente eseguito l’omicidio dopo un addestramento curato dagli agenti nordcoreani.

Kim Jong-nam, secondo la ricostruzione, aveva nella sua borsa a tracolla 12 dosi di atropina al momento dell’attacco, dosi che sarebbero state utili per “tamponare” gli effetti del composto letale. Il fatto che il fratello di Kim Jong-un avesse con sé l’antidoto al veleno, secondo l’accusa, è una prova che fosse a conoscenza di essere nel mirino degli agenti di Pyongyang. Ma, evidentemente, Kim Jong-nam, non ha preso sul serio, neanche in quei minuti, l’aggressione.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other