Kim Jong-un riappare in pubblico dopo le voci che lo davano in coma

di FIlippo Limoncelli
Pubblicato il 27 Agosto 2020 6:42 | Ultimo aggiornamento: 26 Agosto 2020 17:47
Kim Jong-un riappare in pubblico

Kim Jong-un riappare in pubblico dopo le voci che lo davano in coma (foto ANSA)

Kim Jong-Un mette a tacere le speculazioni sul suo stato di salute e ricompare in una riunione di emergenza del governo.

Kim Jong-Un non sarebbe in coma. E per smentire le voci di una grave malattia, la Corea del Nord ha pubblicato quattro nuove foto del leader senza tuttavia che sia possibile identificare la data.

Nelle immagini si vede Kim Jong-Un mentre partecipa a una riunione del politburo allargato, secondo quanto riportato da Korean Central News Agency controllata dallo stato.

KCNA riferisce che il leader nordcoreano ha chiesto impegno nella prevenzione al coronavirus e ai danni che potrebbe provocare il potente tifone Bavi, il cui arrivo è previsto entro pochi giorni.

L’incontro si è svolto mentre è in corso la pandemia che sta esercitando maggiori pressioni sull’economia nordcoreana, martoriata dalle recenti chiusure delle frontiere e dai danni provocati dalle inondazioni.

La Corea del Nord non ha segnalato alcun caso confermato del nuovo coronavirus, ma il mese scorso il leader ha ammesso che il virus “è arrivato” nel Paese.

Il leader nordcoreano riappare in pubblico

La pubblicazione delle foto è a due giorni di distanza dalle dichiarazioni di Chang Song-min, ex assistente del defunto presidente sudcoreano Kim Dae-jung, secondo cui Kim Jong-Un sarebbe in coma da aprile e, dunque, sarebbero false le foto delle sue apparizioni in pubblico.

Chang ha ipotizzato che Kim Yo-jong, la sorella minore del dittatore, venga preparata per assumere la leadership.

I capi dell’intelligence hanno affermato che è stata “promossa” a vice leader de facto.

Non solo, avrebbero riferito che Kim aveva incaricato la sorella di tenere le fila della politica estera con gli Stati Uniti e la Corea del Sud.

Il ruolo, che non è stato confermato, la renderebbe di fatto seconda in comando del Paese.

Chang ha aggiunto che un’iniziativa di questo tipo non ha precedenti nella storia della Corea del Nord e si potrebbe verificare solo in due scenari.

Se Kim fosse gravemente malato o per un colpo di stato. (Fonte: Daily Mail)