“La Mafia vuole uccidere Papa Francesco?”, la Cnn sulle parole del pm Gratteri

di Redazione Blitz
Pubblicato il 16 Novembre 2013 10:23 | Ultimo aggiornamento: 16 Novembre 2013 10:23
papa francesco mafia

Papa Francesco (LaPresse)

NEW YORK (STATI UNITI) – La CNN ha chiesto a John Dikie, studioso di Studi italiani all’Università di Londra e autore di “Cosa Nostra, Storia della mafia siciliana”, un’opinione sull’intervista rilasciata al Fatto Quotidiano da Gratteri, nella quale il procuratore si dice convinto del fatto che qualche mafioso potrebbe pensare di uccidere Papa Francesco, colpevole di voler far puliza dentro allo IOR.

Dikie ripercorre la storia del rapporto tra Chiesa e mafia, spiegando come i buoni rapporti tra le due istituzioni siano una tradizione secolare in certe regioni italiane e anche come gli stessi boss siano da un lato molto devoti all’apparenza, mentre dall’altro avrebbero imparato a usare il linguaggio proprio della chiesa per usarlo a proprio vantaggio.

Il problema dello IOR, che Dikie descrive come le Isole Cayman per la protezione che offre dagli sguardi degli investigatori di altri paesi, non è ancora risolto e anche Dikie spiega che non è ancora chiaro se Papa Francesco abbia la voglia e la forza di andare fino in fondo o se la sua azione si limiterà a una rinfrescata cosmetica alla pessima reputazione dell’istituto.

Difficile però che la mafia possa pensare ad uccidere il Papa, non solo per questioni di devozione o per timore delle conseguenza, quanto perché è perfettamente plausibile che qualsiasi azione di pulizia allo IOR possa procedere con i tempi e la discrezione tipica della curia romana, sufficiente a dare il tempo a capitali sporchi o di dubbia provenienza di trovare rifugi più tranquilli, senza fare arrabbiare nessuno.