Film anti-Islam, la protesta degli Hezbollah in Libano

Pubblicato il 23 settembre 2012 18:12 | Ultimo aggiornamento: 23 settembre 2012 20:06

HERMEL (LIBANO) – Migliaia di sostenitori del potente movimento armato Hezbollah sono scesi in piazza a Hermel, nell’est del Libano, per denunciare il film anti-Islam girato negli Usa, che ha provocato manifestazioni di collera in tutto il mondo musulmano. Quella di domenica è stata l’ultima delle cinque manifestazioni organizzate in settimana dal partito sciita, chiamato a raccolta dal suo capo Hassan Nasrallah, bestia nera di Israele.

”Morte all’America”, “Israele nemico dei musulmani”, scandivano gli uomini, le donne con il chador e i bambini che sventolavano le bandiere gialle di Hezbollah. Da lunedì scorso altre manifestazioni avevano già portato nelle strade di diverse città del Libano migliaia di persone. E alcuni imam avevano incitato all’odio e alla ”uccisione di chiunque insulti il Profeta”.

Il 16 settembre Hassan Nasrallah aveva invitato i suoi sostenitori a ”mostrare al mondo intero la loro collera”.