Libia. Hrw denuncia torture nelle carceri gestite da governo Tobruk

Pubblicato il 18 Giugno 2015 9:25 | Ultimo aggiornamento: 18 Giugno 2015 9:25
Una prigione a Bengasi

Una prigione a Bengasi

USA, NEW YORK – “Il governo libico riconosciuto internazionalmente e i suoi alleati sono responsabili per le diffuse detenzioni arbitrarie e per le torture e altri maltrattamenti nelle carceri che gestiscono nell’est del Paese”. Lo denuncia un rapporto di Human Rights Watch.

Hrw, si legge nel rapporto, “ha avuto la rara occasione di visitare le carceri di al Baida e Bengasi controllate dall’esercito e dai ministeri libici dell’Interno e della Giustizia”.

L’organizzazione “ha intervistato 73 detenuti, e molti hanno denunciato interrogatori sotto tortura per costringerli a ‘confessare’ reati gravi”.

5 x 1000

I detenuti, prosegue il rapporto, “hanno descritto altri abusi, inclusi l’assenza di un processo equo, di cure mediche, il no alle visite dei familiari, e le cattive condizioni della detenzione”. Tra i detenuti ci sono anche “minorenni”.