Libia, Isis attacca prigione: “Libereremo i musulmani”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 18 Settembre 2015 13:03 | Ultimo aggiornamento: 18 Settembre 2015 13:04
Libia, Isis attacca prigione: "Libereremo i musulmani"

(Foto d’archivio)

TRIPOLI – L‘Isis prende piede in Libia: i terroristi islamici in un comunicato pubblicato su internet sostengono di aver “attaccato un’area dell’aeroporto di Mitiga a Tripoli adibita a prigione e di essersi scontrata con le guardie”. Gli jihadisti hanno riferito che “un gruppo di mujaheddin dei cavalieri martiri hanno assaltato la prigione per liberare i musulmani detenuti e sottoposti a tortura”.

Fonti libiche e testimoni parlano di “almeno sei morti, tre jihadisti e altrettante guardie di Fajr Libya” (la formazione che ha formato un governo parallelo a quello riconosciuto di Tobruk e legato ai Fratelli Musulmani)Il portavoce delle forze della sicurezza a Tripoli ha dichiarato che “i guardiani della prigione di Mitiga nella capitale hanno respinto un tentativo di assalto condotto da elementi armati sconosciuti”. La stessa fonte non ha fornito alcun bilancio sulle vittime.

Nelle stesse ore arrivano notizie contrastanti dell’”attacco o invasione condotta giovedì sera da un gruppo di persone – secondo alcune fonti armate – al Congresso di Tripoli per obbligare il Parlamento a non approvare l’accordo in Marocco sotto l’egida dell’Onu”. Il deputato Abdel Raouf el Manaei, che boicotta il dialogo, ha chiesto che l’accordo sia sottoposto a referendum. Per il deputato Soad Mohamed non si è trattato di un assalto ma di un gruppo che era venuto a chiedere chiarimenti sull’intesa.