Libia. Mercoledi riunione Consiglio Sicurezza Onu, ma presto per risoluzione

Pubblicato il 18 febbraio 2015 9:40 | Ultimo aggiornamento: 18 febbraio 2015 9:40
Il Consiglio di Sicurezza dell'Onu

Il Consiglio di Sicurezza dell’Onu

USA, NEW YORK -Il Consiglio di Sicurezza dell’Onu si riunisce mercoledi pomeriggio in seduta pubblica di emergenza sulla crisi libica mentre l”inviato dell’Onu per la Libia chiede ancora “giorni” per il negoziato.

E’ ancora presto per aspettarsi una risoluzione che dia mandato a una coalizione internazionale contro l’Isis, anche perchè manca la precondizione: “Una richiesta delle autorità libiche che richieda l’intervento internazionale”, ha spiegato un ambasciatore arabo al Palazzo di Vetro.

Questa lettera finora non è arrivata, ha confermato il portavoce della missione libica all’Onu Omar Ihwainish indicando d’altra parte che il ministro degli Esteri del governo libico a Tobruk (quello internazionalmente riconosciuto) Mohamed al Dairi è arrivato a New York e mercoledi parlerà in consiglio di Sicurezza. “Si saprà di più domani”, ha detto Ihainish.

Intanto, in vista della riunione, proseguono i contatti a tutto campo. Egitto e Francia, che fanno da capofila al negoziato, sono al lavoro su un testo di quella che potrebbe diventare una risoluzione o una dichiarazione alla stampa. “Si aspetta di vedere cosa dirà il ministro degli Esteri egiziano Sameh Shoukry”, ha detto il numero due britannico Peter Wilson. Shoukry, da lunedi a New York, ha avuto contatti bilaterali con ambasciatori del Consiglio, con i P5 (Francia, Gran Bretagna, Russia, Cina), con i Paesi del Gruppo Arabo e con il segretario generale Ban Ki Moon.

Giovedi poi il rappresentante del Cairo parteciperà agli incontri di Washington sull’estremismo violento convocati dal segretario di Stato John Kerry. Ci saranno anche Ban e l’Alto Rappresentante Ue Federica Mogherini. La Libia, dopo le decapitazioni dell’Isis sulle sponde del Mediterraneo, sarà alta nell’agenda. Intanto, secondo fonti diplomatiche, l’inviato dell’Onu per la Libia Bernardino Leon si è detto prudentemente ottimista e ha chiesto “giorni di tempo” per portare avanti il negoziato.

Il dialogo avviato da Leon in Libia “è la chance migliore per aiutare la Libia a uscire dalla crisi in cui si trova”, aveva detto lunedi Ban, secondo cui “solo attraverso il dialogo i libici potranno costruire uno Stato e istituzioni capaci di fronteggiare il terrorismo”. All’Onu non trovano riscontro le ipotesi lanciate in Italia su un “rafforzamento” dello sfondo Onu in Libia affiancando a Leon l’ex premier – e inviato per il Sahel – Romano Prodi. Una proposta rilanciata dal fondatore della Comunità di Sant’Egidio Andrea Riccardi sul Corriere della Sera, secondo cui “si aprirebbe un percorso difficile ma con tante opzioni possibili”.