Libia, tre giorni di scontri tribali nel sud-est: 43 morti

Pubblicato il 1 luglio 2012 9:26 | Ultimo aggiornamento: 1 luglio 2012 9:49

LibiaTRIPOLI – Negli ultimi tre giorni scontri tribali a Kufra, nella Libia sud-orientale, hanno provocato almeno 47 morti e più di un centinaio di feriti, di cui la metà sono donne e bambini. Lo hanno riferito un capo locale e un medico.

Il medico ha detto che sono state uccise 32 persone della tribù  di Tubus in due aree residenziali di Kufra, dove colpi di mortaio hanno causato decine di feriti. Il capo di una tribu’ rivale ha invece detto che 14 Zwai sono stati uccisi. Kufra è una città di 40 mila abitanti ed è situata ai confini del deserto libico, in una regione che ha frontiere con Egitto, Sudan e Chad.

In quest’area le tensioni tribali restano molto forti. Lo scorso febbraio combattimenti a Kufra avevano causato più di un centinaio di morti e, secondo le cifre fornite dalle Nazioni Unite, avevano costretto alla fuga almeno la metà della popolazione della città.