Lista Ue, bocciati Kazakistan e Zambia: compagnie aeree non sicure

Di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 15 Luglio 2009 10:49 | Ultimo aggiornamento: 17 Luglio 2011 12:45
listaue_compagnie-aeree

Bocciate le compagnie aeree non sicure

La sicurezza prima di tutto. I piani alti dell’Ue, alla luce delle ultime catastrofi aeree, non sono più disposti a chiudere un occhio. Non c’è adito ad altre soluzioni: o si possiedono i requisiti necessari, o c’è la bocciatura e la conseguente estromissione dalla Lista Ue.

Bruxelles ha aggiornato la ‘Lista Nera’ delle compagnie aeree che, non avendo i requisiti necessari, saranno bandite dallo spazio aereo dell’Unione Europea.

I problemi concernenti la sicurezza degli areoplani non toccano da vicino solamente l’Europa. Negli Stati Uniti un boing è stato costretto ad un atterraggio di fortuna per una grossa breccia sulla fusoliera.

Kazakistan e Zambia, non possedendo i requisiti necessari, verranno immediatamente bandite dalla lista Ue e non sarà concesso, alle loro compagnie, di trasvolare i cieli continentali. Unica eccezione per la kazaka ‘Air Astana’ alla quale sarà permesso, sotto monitoraggio del comitato di vigilanza Ue, di effettuare alcuni viaggi.

Sono ben nove le compagnie aeree completamente bandite: Air Koryo (Repubblica democratica Corea), Air West (Sudan), Ariana Afghan Airlines (Afghanistan), Siem reap Airways International (Cambogia), Silverback Cargo Freighters (Ruanda), Motor Sich, Ukraine cargo Airways, Ukrainian Mediterranean Airlines e Volare (Ucraina).

Bocciati anche gli aerei di 12 nazioni. Alludiamo all’Angola, al Benin, alla Repubblica democratica del Congo, alla Guinea Equatoriale, al Gabon, alla Liberia, alla Sierra Leone e allo Swaziland. Migliorano notevolmente le condizioni dell’Indonesia che, grazie ai progressi effettuati, avrà diritto ad, ulteriori, quattro compagnie aeree idonee e quindi in grado di effettuare trasvolate continentali.

Dai dati emerge, tristemente, come le compagnie aeree asiatiche ed africane siano, ancora, lontane anni luce rispetto a quelle dell’Europa e dell’America del Nord.