Lucille Johson. Mattoncino Lego risolve omicidio del 1991

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 settembre 2014 7:20 | Ultimo aggiornamento: 3 settembre 2014 13:19
Lucille Johson uccisa nel 1991: omicidio risolto grazie a mattoncino Lego...

Lucille Johson uccisa nel 1991: omicidio risolto grazie a mattoncino Lego…

WASHINGTON – Lucille Johnson fu trovata morta nella sua casa di Holladay nel 1991. La donna, 78 anni, fu brutalmente picchiata con un bastone e morì per le percosse. A svelare i retroscena sull’omicidio commesso oltre 20 anni fa sarebbe ora un mattoncino della Lego, su cui gli inquirenti hanno trovato le impronte del figlio del killer.

L’assassino della donna sarebbe John Sansing, già in carcere in Arizona per un altro omicidio commesso nel 1998. Analizzando nuovamente le prove sul caso Johnson, gli inquirenti hanno scoperto che su un mattoncino Lego trovato nella casa della donna vi sono le impronte del figlio di Sansing, che all’epoca dei fatti aveva appena 5 anni.

Jim Winder, sceriffo della contea di Salt Lake, nello Utah, ha dichiarato:

“Su quei mattoncini ci sono le impronte del figlio di Sansing”.

Per l’omicidio, ha detto la polizia, non c’era un movente anche se da casa della donna furono portati via alcuni gioielli, ha spiegato la figlia Shirley England ai media americani:

“Mia madre non conosceva quell’uomo. Credo che lui abbia portato con sé il figlio per poter entrare in casa con qualche scusa senza farla insospettire”.

Le nuove prove aggravano la posizione di Sansing, già detenuto nel braccio della morte in Arizona per un omicidio, e il procuratore è in attesa di estradarlo dallo Utah per affrontare l’accusa di omicidio della Johnson. La posizione di Sansing si aggrava e l’uomo potrebbe essere collegato a ulteriori omicidi non risolti.