Malesia: 15enne stuprata per ore da 38 uomini, quasi tutti tossicodipendenti

di Redazione Blitz
Pubblicato il 30 Maggio 2014 18:24 | Ultimo aggiornamento: 30 Maggio 2014 18:24
 Malesia, 15enne stuprata per ore da 38 uomini

Malesia, 15enne stuprata per ore da 38 uomini

KUALA LUMPUR – Una ragazza 15enne è stata stuprata per ore da un branco di 38 uomini, per lo più tossicodipendenti. Una nuova orribile storia di violenze sulle giovanissime che arriva dall’Asia, stavolta dalla Malesia.

La bestiale aggressione si è consumata in un villaggio dello Stato settentrionale del Kelantan, al confine con la Thailandia. La ragazzina è stata trascinata in una baracca abbandonata ed è stata violentata a turno dagli uomini, prima di lasciarla esanime.

Secondo quanto riferito dai media locali, gli aggressori erano frequentatori della capanna che viene utilizzata come luogo abituale di spaccio e consumo di stupefacenti. Tredicii di loro sono già stati arrestati, tra cui un padre e i suoi due figli, mentre la polizia è sulle tracce degli altri. Tra quelli finiti in carcere, molti sono risultati positivi alle anfetamine.

Insieme alla vittima c’era una sua amica di 17 anni, che potrebbe essere stata a sua volta stuprata. Secondo gli inquirenti, si sarebbe potuto evitare almeno una parte del calvario della ragazzina se gli abitanti avessero dato l’allarme per tempo.

Nel Paese asiatico chi commette uno stupro è passibile della reclusione fino a trent’anni e della fustigazione, ma molto chiedono pene ancora più severe: tra questi i dirigenti del Partito Pan-Islamico Malese, che governa il Kelantan, i quali hanno invocato l’introduzione dell‘hudud, la normativa penale dedicata ai delitti di maggiore efferatezza dalla sharia, la legge coranica.

In base alle ultime statistiche disponibili, a livello nazionale nel 2012 le donne seviziate sono state quasi tremila, il 52 per cento delle quali di età pari o inferiore ai 16 anni.