Malesia Nora Quoirin è morta di fame nella giungla: lo rivela l’autopsia

di redazione Blitz
Pubblicato il 15 Agosto 2019 10:07 | Ultimo aggiornamento: 15 Agosto 2019 10:07
Nora Quoirin

Nora Quoirin (Foto Ansa)

SEREMBAN (MALESIA) – Nora Quoirin, la quindicenne inglese disabile scomparsa in una giungla della Maesia, è morta per una crisi intestinale provocata dalla fame e dallo stress. E’ quanto emerso dall’autopsia sulla giovane vittima, ritrovata dopo diversi giorni dalla sua scomparsa. Ma non ci sono prove che sia stata rapita o stuprata, ha chiarito la polizia. 

La morte della ragazza, affetta da oloprosencefalia, una malformazione cerebrale che comporta una serie di disabilità fisiche tra le quali la difficoltà a camminare, sarebbe avvenuta due o tre giorni dopo la sua scomparsa.

Il corpo di Nora era stato ritrovato martedì 13 agosto, senza indumenti, vicino ad un ruscello a circa due chilometri dal resort in cui villeggiava con i genitori, da cui era scomparsa 9 giorni prima. 

Per dieci giorni le ricerche a tappeto nella zona avevano coinvolto volontari e agenti di polizia da tutto il mondo: non solo malesi, ma anche francesi, britannici e irlandesi (la famiglia di Nora vive nel Regno Unito ma è di origini irlandese e francese). Avevano partecipato anche alcuni sciamani ed erano state utilizzate anche registrazioni vocali della madre per provare ad attirare la ragazza.

Una ventina di persone sono state interrogate mentre gli investigatori effettuavano test e analisi delle impronte digitali trovate nel cottage dove la ragazzina alloggiava. Poi, la scoperta. (Fonte: Ansa)