Marocco, due turiste scandinave violentate e sgozzate sulle montagne

di redazione Blitz
Pubblicato il 18 Dicembre 2018 15:44 | Ultimo aggiornamento: 19 Dicembre 2018 8:57
Marocco, due turiste sgozzate sull'Atlante. Preso un uomo, si cercano i complici

Marocco, due turiste sgozzate sull’Atlante. Preso un uomo, si cercano i complici (Foto Ansa)

RABAT  –  Due turiste scandinave sono state uccise in Marocco. I corpi delle due giovani donne, Louisa Vesterager Jespersen, danese di 24 anni, e Maren Ueland, norvegese di 28 anni, sono stai trovati sulle montagne di una remota regione dell’alto Atlante, e presentavano segni di violenza sul collo. Le due donne sarebbero state sgozzate, secondo quanto riferito dai loro familiari.

I loro corpi sono stati trovati ad una decina di chilometri dal cento di Imlil, il villaggio da dove normalmente si parte per il trekking per il monte Toubkal, il più alto del Nord Africa.

Le autorità hanno arrestato a Marrakech un uomo sospettato dell’omicidio delle due donne. Lo ha reso noto il ministero dell’Interno del Marocco, secondo quanto riportato da Al Jazeera. Il ministero marocchino ha inoltre reso noto che sono state avviate le ricerche di altri sospettati. 

La famiglia di Louisa Vesterager Jespersen aveva sconsigliato la giovane di andare in Marocco, ma lei era andata comunque. La donna studiava in Norvegia per fare la guida turistica. Nella zona è stato innalzato il livello di allerta e sono stati sospesi i trekking.