Messico: frana su un paese nella regione di Oaxaca, si temono oltre mille morti

Pubblicato il 28 Settembre 2010 15:28 | Ultimo aggiornamento: 28 Settembre 2010 17:35

Una enorme frana ha travolto la notte scorsa circa 300 case di un paese nella regione messicana di Oaxaca e si teme che centinaia di persone siano state uccise mentre dormivano. Il governatore dello Stato messicano, Ulises Ruiz, parla addirittura di “mille morti nelle 300 abitazioni di Tlauitopetec, a Oaxaca, sulle quali oggi si è abbattuta una frana”.

Oltre alla frana, quattro fiumi sono esondati con 20 mila persone colpite dalle inondazioni, e circa 5 mila case danneggiate. Nello Stato di Oaxaca piove ininterrottamente da dodici giorni per il passaggio delle tempeste tropicali Karl e Matthew.

‘Speriamo di arrivare a tempo nell’area per poter soccorrere le famiglie sepolte”, ha detto Ruiz alla stampa locale, precisando che a causa delle piogge di questi giorni, dalla collina sovrastante le abitazioni si sono staccati circa 200 metri di terra.

”In queste ore sta arrivando sul posto da Città del Messico un Hercules con squadre di soccorritori e macchinari”, ha sottolineato il governatore, precisando che i tecnici stanno cercando di ”fare una valutazione dettagliata dei danni, soprattutto del numero delle vittime”.

”Stiamo facendo molta fatica ad arrivare al villaggio di Tlahuitolpetec a causa della situazione sul terreno per le forti piogge di questi giorni”, ha aggiunto Ruiz, ricordando che nella zona ci sono allegamenti a causa dello straripamento di alcuni fiumi, a seguito del passaggio nell’area della tempesta tropicale Matthew.

Il municipio dove si e’ verificata la frana ha una popolazione di 9 mila persone, distribuite tra 35 localita’, delle quali 25 in aree rurali e con abitazioni molto precarie, precisano i media locali.

Farnesina: in corso verifiche sulla presenza di italiani. L’Unità di Crisi della Farnesina e l’Ambasciata d’Italia si sono attivate per accertare l’eventuale coinvolgimento di connazionali. E’ quanto precisano fonti degli Esteri interpellate sulla situazione in Messico.