Messico, torna attivo il vulcano “Popo”. Decine di offerte per “calmare la sua furia”

Pubblicato il 3 Maggio 2012 22:20 | Ultimo aggiornamento: 3 Maggio 2012 22:38

CITTA' DEL MESSICO, 3 MAG – All'alba di oggi il vulcano Popocatepetl e' tornato a fumare – almeno una quindicina di esalazioni di acqua e cenere, secondo il Centro Nazionale di Prevenzione dei Disastri – ma, nonostante tutto, come avviene dai tempi preispanici, decine di abitanti delle sue pendici si sono avvicinati al cratere per collocare offerte ''per calmare la sua furia''.

Si calcola che in un raggio di trenta chilometri attorno al 'Popo' o 'Don Goyo', come viene chiamato familiarmente il vulcano alto 5.452 metri e situato a circa 65 chilometri da Citta' del Messico, vivano almeno 250.000 persone. E' appunto tra di esse che vi sono i gruppi che ogni anno, tra il 2 ed il 3 maggio, si avvicinano a 600 metri dal cratere ''per parlare'' con la 'montagna che fuma' – come significa il suo nome nell'idioma indigeno -, affinche' ''continui a proteggere il sonno degli abitanti della zona e non li danneggi''.