Michael Schumacher, 8 giorni per svegliarlo. Ridotto anestetico che lo tiene in coma

di Redazione Blitz
Pubblicato il 29 gennaio 2014 9:27 | Ultimo aggiornamento: 29 gennaio 2014 9:27
Jean-Marc Grenier, il direttore dell'ospedale di Grenoble

Jean-Marc Grenier, il direttore dell’ospedale di Grenoble

ROMA, 29 GEN –  I medici del reparto di Rianimazione del Centro ospedaliero universitario di Grenoble hanno deciso che entro otto giorni risveglieranno Michael Schumacher dal coma. La chiamano fase 2. Negli scorsi giorni i medici hanno ridotto le dosi di anestetico per valutare le reazioni dell’ex pilota. “Non è più in pericolo di vita” dicono i medici, adesso bisognerà capire se si riuscirà a riportare Schumacher ad una vita normale. Bisognerà capire adesso “cosa ritroveranno quando Michael Schumacher riaprirà gli occhi”.

Il danno cerebrale, d’altronde, è stato grave. Nella prima parte della fase 2 i medici completeranno la riduzione progressiva dell’anestetico che tiene in coma, artificiale, Schumacher. Poi si dovranno valutare i danni: quelli fisici e, soprattutto, quelli al cervello. E’ questa l’angoscia, la preoccupazione principale per chi lo cura, e per chi gli sta accanto. 

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other