Micheal Jackson/ Il re del pop era d’accordo solo per dieci concerti. Le altre date aggiunte senza la sua approvazione

Pubblicato il 14 Luglio 2009 13:30 | Ultimo aggiornamento: 14 Luglio 2009 16:26

Jacko aveva dato la sua approvazione solo per un numero ristretto di concerti. «Michael era d’accordo solo su 10 appuntamenti, poi furono aggiunte latre date» . Lo ha detto il padre del re del pop, Joe Jackson, in un’ intervista all’Abc news.

L’ex pugile  era preoccupato per la salute del figlio in procinto di affrontare una mole di spettacoli senza precedenti e senza nessuna pausa. Gli stessi dubbi sono stati manifestati da Leonard Rowe, consulente finanziario di Michael Jackson, secondo il quale “non era nelle condizioni di tornare sulle scene” e tutte le voci che lo volevano in buona forma sono fasulle.

Un altro protagonista di questa vicenda, Randy Phillips, capo dell’ organizzazione dei concerti Aeg Live, sostiene invece che sia stata un’idea del re del pop quella di aumentare il numero delle date da 31 a 50. Nel frattempo il dibattito sulle condizioni di salute di Michael Jackson prima della morte e’ ancora aperto. Alle voci sulla sua buona forma diffuse dai membri dello staff dei concerti si contrappongono i dati (ancora provvisori) dell’autopsia, che parlano di un corpo crivellato da punture di aghi.