Migranti. Mogherini, Ue ha i mezzi per far fronte a crisi

Pubblicato il 16 Settembre 2015 11:52 | Ultimo aggiornamento: 16 Settembre 2015 11:52
Federica Mogherini

Federica Mogherini

FRANCIA, PARIGI – “La maggioranza dei profughi fuggono dallo stato islamico, un’organizzazione che combattiamo. Se non accogliamo queste vittime del terrorismo, se non siamo capaci di proteggerle, che messaggio inviamo a loro e al resto del mondo?”.

Se lo chiede Federica Mogherini, Alto Rappresentante per la Politica Estera Ue, in un’intervista al quotidiano francese Liberation.

“L’Unione – spiega la Mogherini – ha i mezzi per far fronte a questa crisi. Da una parte aiutando i Paesi vicini della Siria ad affrontare questo afflusso come ha già fatto con un aiuto di quattro miliardi di euro negli ultimi quattro anni. Dall’altra accogliendo dei rifugiati, poiché la situazione dei Paesi confinanti con la Siria è diventata insostenibile. Questo vale per l’Europa ma anche per la comunità internazionale”.

Ricordando che l’Europa “non è sommersa” di rifugiati, visto che la percentuale di questi ultimi nello spazio Ue “è solo dello 0,1%”, la responsabile della diplomazia europea esclude l’eventualità di una soluzione militare alla crisi siriana. “Certo – sottolinea – un appoggio militare all’azione contro lo stato islamico per arginarlo, come fa la coalizione globale in Iraq, è necessario. Ma non è sufficiente”. La soluzione, per la Mogherini, “sarà politica e diplomatica”.