Migranti, naufragio al largo della Libia: almeno 45 morti

di redazione Blitz
Pubblicato il 19 Agosto 2020 20:55 | Ultimo aggiornamento: 19 Agosto 2020 20:55
Migranti, naufragio al largo della Libia: almeno 45 morti

Migranti, naufragio al largo della Libia: almeno 45 morti (Foto Ansa)

Naufragio nel Mar Mediterraneo: almeno 45 migranti, tra cui cinque bambini, sono morti al largo delle coste della Libia

C’è stato un naufragio nel Mar Mediterraneo il 17 agosto. Almeno 45 migranti sono morti al largo della Libia. Tra loro cinque bimbi.

La denuncia arriva dall’Organizzazione Internazionale delle Migrazioni (Oim) e dall’Unhcr, la agenzia Onu per i rifugiati, che lo definiscono il peggior naufragio del 2020 davanti alle coste libiche.

Risale al 17 agosto e ci sono 37 sopravvissuti, per lo più provenienti da Senegal, Mali, Ciad e Ghana, soccorsi da pescatori e ora in detenzione.

Un’esplosione devastante

Secondo i testimoni a provocare il naufragio sarebbe stato l’esplosione del motore dell’imbarcazione al largo della costa di Zuara.

Oim e Unhcr avvertono: “Senza un’operazione di soccorso dedicata e un meccanismo per gli sbarchi guidati dall’Ue, altre vite andranno perse nel Mediterraneo”.

Gli altri sbarchi

Intanto non si fermano gli sbarchi, che nel 2020 hanno superato quota 16.700, il quadruplo rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

E mercoledì è riuscita ad attraccare al porto di Lampedusa la nuova nave per la quarantena, la Aurelia. Mentre la guardia costiera libica ha riportato a Tripoli un’ottantina di migranti su un gommone in difficoltà. In 115 – tra di loro anche 26 donne e 21 minori – nella notte sono giunti a Crotone.

Si tratta di persone di nazionalità afgana, iraniana, siriana e somala che erano a bordo di un’imbarcazione intercettata dalla Guardia costiera al largo di Soverato.

Anche oggi non sono mancati sbarchi a Lampedusa: il primo è un barchino con 17 tunisini, mentre al molo Favarolo le forze dell’ordine sono in attesa di una motovedetta che ha recuperato un’altra ottantina di migranti.

All’hotspot di contrada Imbriacola, dopo che 250 extracomunitari sono stati imbarcati sulla nave quarantena Aurelia (che la lasciato il porto), ci sono 1.032 persone, a fronte di una capienza massima di 192.

La prefettura di Agrigento ha già disposto il trasferimento con il nuovo traghetto di linea Lampedusa di altri 97 migranti che giungeranno domattina a Porto Empedocle. (Fonte: Ansa)