Migranti dirottano verso Malta la nave che li stava riportando in Libia. Salvini: “Sono pirati”

di Alessandro Avico
Pubblicato il 27 marzo 2019 17:04 | Ultimo aggiornamento: 28 marzo 2019 8:12
Migranti dirottano verso Malta la nave che li stava riportando in Libia. Salvini: "Sono pirati"

Migranti dirottano verso Malta la nave che li stava riportando in Libia. Salvini: “Sono pirati” (Ansa)

ROMA – Il mercantile Elhiblu I con un gruppo di 120 migranti a bordo, salvati da un naufragio vicino la Libia, ha invertito la rotta e invece che tornare verso le coste africane sta andando verso Malta. Lo spiega una nota del ministero dell’Interno che parla di “un cambio di rotta repentino, dopo che la motonave era arrivata fino a 6 miglia dall’ingresso del porto di Tripoli”. “Non sono naufraghi ma pirati” dice il ministro dell’Interno Matteo Salvini.

A quanto si apprende, i migranti, una volta che si sono resi conto che stavano per essere riconsegnati ai libici, si sono ribellati e hanno minacciato il comandante e l’equipaggio, costringendoli ad invertire la rotta. Allertata anche la nostra Guardia costiera che sta monitorando la situazione nel timore che, come tante altre volte accaduto con navi di soccorso, i maltesi possano far passare la nave lasciandola dirigere verso Lampedusa.

L’intervento di soccorso nasce in zona Sar libica. La Guardia costiera libica ha coordinato il soccorso ed ha indicato al mercantile di provvedere al salvataggio di un’imbarcazione in difficoltà con 120 persone a bordo. La Guardia costiera ha indicato anche il porto di destinazione, Tripoli. La nave – battente bandiera delle Isole Palau – si è in un primo momento diretta verso il porto di Tripoli aderendo ai comandi. Arrivata però a 5-6 miglia dal porto, ha invertito la rotta dirigendosi verso nord.

In Italia sicuramente non entrano. Non siamo più ai soccorsi, sarebbe il primo atto di pirateria in alto mare. Sappiano che l’Italia la vedranno con il cannocchiale”, dice Matteo Salvini. (Fonte Ansa).