Militari Usa in Iraq, traumi cerebrali in aumento dopo l’attacco dell’Iran

di redazione Blitz
Pubblicato il 11 Febbraio 2020 14:22 | Ultimo aggiornamento: 11 Febbraio 2020 14:22
Militari Usa in Iraq, traumi cerebrali in aumento dopo l'attacco dell'Iran

Militari Usa in Iraq, traumi cerebrali in aumento dopo l’attacco dell’Iran (Foto Ansa)

BAGHDAD  –  L’attacco dell’Iran alla base Usa in Iraq di Ain Al-Asad il mese scorso ha avuto conseguenze tangibili sulla salute dei militari americani: c’è stato un aumento di oltre il 50 per cento di casi di trauma cranico, con un numero di militari che ha riportato traumi del genere salito sopra i 100. 

L’agenzia di stampa Reuters ha riferito ieri per la prima volta che c’erano oltre 100 casi di traumi, rispetto ai 64 precedentemente riportati il mese scorso. Il Pentagono, in una dichiarazione, ha confermato che finora 109 membri del servizio statunitense erano stati diagnosticati con una lieve lesione cerebrale traumatica. Ha aggiunto che 76 di loro sono tornati in servizio.

I sintomi di questo tipo di lesioni comprendono mal di testa, vertigini, sensibilità alla luce e nausea. Funzionari del Pentagono hanno ripetutamente affermato che non vi è stato alcuno sforzo per minimizzare o ritardare le informazioni sulle lesioni del personale militare.

Nessun militare americano è stato ucciso o ha subito lesioni fisiche immediate quando l’Iran ha sparato missili contro la base di Ain al-Asad come rappresaglia per l’uccisione da parte degli Stati Uniti del generale della Guardia rivoluzionaria Qassem Soleimani in un attacco di droni all’aeroporto di Baghdad il 3 gennaio.

Gli attacchi missilistici hanno chiuso una spirale di violenza iniziata alla fine di dicembre. Entrambe le parti si sono astenute da un’ulteriore escalation militare, ma il numero crescente di feriti statunitensi potrebbe aumentare la “pressione” dell’amministrazione Trump sull’Iran.

Ma le rivelazioni a seguito dell’attacco di Teheran hanno rinnovato le domande sulla politica dell’esercito degli Stati Uniti riguardo al modo in cui riporta internamente notizie su sospette lesioni cerebrali e se sono trattate pubblicamente con la stessa urgenza di ferite gravi. La senatrice repubblicana degli Stati Uniti Joni Ernst ha affermato che sono necessarie ulteriori risposte sulla vicenda. (Fonte: Agi)