Miss Mondo, dopo le proteste l’Indonesia lancia “Miss Musulmana”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 18 settembre 2013 19:13 | Ultimo aggiornamento: 18 settembre 2013 19:31
Miss Mondo, dopo le proteste l'Indonesia lancia "Miss Musulmana"

Proteste in Indonesia per Miss Mondo

JAKARTA – In Indonesia arriva “Miss Musulmana”, la risposta islamica a Miss Mondo. Non bikini e performance artistiche, ma recitazione del Corano, sfilate con il velo islamico, e sedute di preghiere. Il concorso è stato lanciato dopo le critiche dei radicali musulmani indonesiani per Miss Mondo, la cui finale, prevista a Jakarta, è stata spostata a Bali.

“Quello che sto cercando è una personalità forte, qualcuna che possa aiutare la sua comunità e provare che la bellezza non è solo fisica”, ha spiegato la giudice malese del concorso Jameyah Sheriff, esperta di psicologia, dando il via alla manifestazione dal titolo “Muslimah World”, o “Musulmane del Mondo”.

In lizza per la finale sono state scelte una ventina di donne su un totale di 500 concorrenti proveniente da Iran, Malesia, Brunei, Nigeria, Bangladesh e Indonesia. “Vogliamo mostrare al mondo che l’islam è bello”, ha aggiunto Obabiyi Aishah Ajibola, concorrente nigeriana di 21 anni.

Intanto non si placano le polemiche su Miss Mondo dopo le violente proteste dei fondamentalisti islamici che l’avevano definita una “gara di prostitute”. La finale, inizialmente prevista a Jakarta, è stata spostata nell’isola di Bali, a maggioranza induista e non musulmana come il resto dell’Indonesia. Le ambasciate del Regno Unito, Stati Uniti, Australia e Indonesia hanno lanciato un allerta, evocando una possibile minaccia di attacchi terroristi contro il concorso di bellezza.