Mohsen Fakhrizadeh, lo scienziato iraniano ucciso con arma automatizzata di una tonnellata contrabbandata dal Mossad

di Caterina Galloni
Pubblicato il 21 Febbraio 2021 9:07 | Ultimo aggiornamento: 15 Febbraio 2021 16:45
Mohsen Fakhrizadeh, lo scienziato iraniano ucciso con arma automatizzata di una tonnellata contrabbandata dal Mossad

Mohsen Fakhrizadeh, lo scienziato iraniano ucciso con arma automatizzata di una tonnellata contrabbandata dal Mossad

Mohsen Fakhrizadeh, lo scienziato nucleare iraniano assassinato a novembre nei pressi di Teheran, sarebbe stato ucciso da un’arma con un peso totale di una tonnellata contrabbandata in Iran dall’agenzia di intelligence israeliana Mossad.

E’ quanto riportato da The Jewish Chronicle citando fonti dell’intelligence, aggiungendo che una squadra di oltre 20 agenti, tra cui cittadini israeliani e iraniani, ha effettuato l’imboscata a Fakhrizadeh dopo otto mesi di sorveglianza.

I media iraniani avevano riferito che lo scienziato era morto in ospedale dopo essere stato colpito a bordo della sua auto da assassini armati. Poco dopo il decesso, l’Iran ha puntato il dito contro Israele, il ministro degli Esteri Javad Zarif su Twitter aveva parlato di “gravi indicazioni di un ruolo israeliano”.

Chi era Mohsen Fakhrizadeh

Fakhrizadeh, 59 anni, da lungo tempo era sospettato dall’Occidente di essere l’ideatore di programma segreto riguardante la bomba nucleare. Per anni, dai servizi segreti occidentali e israeliani era stato ritenuto il misterioso leader di un programma segreto interrotto nel 2003, e che attualmente Israele e Stati Uniti accusano Teheran di tentare di ripristinare.
 
Secondo il Jewish Chronicle, l’Iran ha “segretamente valutato che ci vorranno sei anni” prima che un sostituto dello scienziato sia “pienamente operativo” e che la sua morte avrebbe “prolungato il periodo di tempo necessario all’Iran per sviluppare una bomba atomica da tre mesi e mezzo a due anni”.

L’arma del Mossad che ha distrutto le prove dopo l’omicidio

Jewish Chronicle, ha riferito che il Mossad ha montato la pistola automatica sul pick-up Nissan e che “l’arma su misura, azionata a distanza da agenti a terra mentre osservavano l’obiettivo, era pesante perché includeva una bomba che ha distrutto le prove dopo l’omicidio”.

Ha aggiunto che l’attacco è stato effettuato “solo da Israele, senza coinvolgimento americano”, ma che gli agenti statunitensi hanno ricevuto una qualche forma di preavviso”.