Mormoni: indiani erano ebrei, Gesù apparve in Usa, angelo Moroni ordinò 40 mogli

di Redazione Blitz
Pubblicato il 12 novembre 2014 12:25 | Ultimo aggiornamento: 12 novembre 2014 12:25
Mormoni: indiani erano ebrei, Cristo apparve in Usa, angelo Moroni ordinò 40 mogli

Mormoni: indiani erano ebrei, Cristo apparve in Usa, angelo Moroni ordinò 40 mogli

ROMA – Mormoni: indiani erano ebrei, Cristo apparve in Usa, angelo Moroni ordinò 40 mogli. Una religione con 184 anni di età è di fatto adolescente e per questo bisognosa di rassicurazioni sulla propria identità. Si spiegano anche così i 12 saggi che la Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni, in una parola i Mormoni, ha pubblicato su Internet per mettere un po’ d’ordine su tradizioni e precetti, su fatti e miracoli, un po’ di chiarezza su temi sensibili (per i non mormoni, ma soprattutto per i seguaci) quali la poligamia o la discriminazione degli afro-americani.

Per esempio, secondo The Book of Mormon, rivelato da Dio a Joseph Smith, il fondatore, Gesù Cristo riapparse risorto in Nord America (“Western Emisphere”). Risiede stabilmente, Gesù, nel pianeta di Kolob. Mentre gli indiani d’America hanno origini ebraiche. Joseph Smith praticò la poligamia su ordine preciso dell’angelo Moroni che, spada fiammeggiante in pugno, aveva minacciato la distruzione del Tempio se non fosse stato ubbidito. 40 mogli ebbe Joseph Smith, tra cui una quattordicenne, ma non con tutte ebbe relazioni sessuali poiché alcune erano unite a lui “solo per la vita eterna”.

La necessità di dare la propria versione ufficiale nasce soprattutto con l’imbarazzo spesso suscitato da alcune leggende o incomprensioni fiorite all’epoca dell’indiscriminato accesso alla rete, fonte particolarmente preoccupante, secondo il Tempio di Salt Lake City.

In fondo lo scetticismo generale sui pilastri della fede mormone è in qualche modo superato dalla “normalità” main-stream dei mormoni: hanno successo e non suscitano né dileggio né paura i protagonisti della serie tv “Big Love”, né ballerini e cantanti impegnati nel musical tutto da ridere (The Book of Mormon, appunto). Il mormone Mitt Romney ha corso per la Casa Bianca vincendo le primarie repubblicane, il block-buster Twilight è tratto dal romanzo di Stephenie Morgan Meyer, mormone.

A proposito della discriminazione dei neri che non possono diventare ministri del culto, un saggio spiega che quella era l’America della segregazione: oggi, in effetti, la prima afro-americana repubblicana eletta al Congresso, Mia Love, è mormone.