Michael Jackson, il suo medico tardò nella rianimazione e nascose dei farmaci

Pubblicato il 23 Marzo 2010 15:55 | Ultimo aggiornamento: 23 Marzo 2010 17:00

Conrad Murray, il medico del re del pop

Secondo alcuni documenti, il medico di Michael Jackson, Conrad Murray, il giorno in cui la star morì ritardò il massaggio cardiaco.

Cercò anche di nascondere una serie di farmaci prima che nella villa di Los Angeles arrivassero i soccorsi, sostengono i documenti citati dall’Associated Press e ripresi da diversi siti americani.

L’accusa si basa sulla versione dei fatti di Alberto Alvarez, direttore della logistica di Jackson.