Mosca. Gas Usa costerebbe agli europei il doppio di quello russo

Pubblicato il 20 Maggio 2014 12:35 | Ultimo aggiornamento: 20 Maggio 2014 12:35
Aleksandr Novak

Aleksandr Novak

RUSSIA, MOSCA – Il gas che gli Usa potrebbero vendere in futuro ai Paesi europei costerà fino al doppio di quello fornito finora dalla Russia. Lo afferma – sullo sfondo della ‘guerra energetica’ innescata dalla crisi ucraina – il ministro dell’Energia di Mosca, Aleksandr Novak, secondo cui il picco di produzione dello shale gas americano è già alle spalle.

“Il prezzo del gas americano sarà fra una volta e mezzo e due volte più elevato di quello delle forniture dei gasdotti attuali”, ha detto Novak in un un’intervista televisiva. In termini generali, il ministro russo si è inoltre mostrato convinto che lo shale gas estratto in questi anni dagli Usa – e presentato in occidente come una possibile alternativa almeno parziale alle forniture russe – non rappresenti in effetti un vero pericolo strategico per gli interessi di Mosca.

“L’estrazione dello shale gas ha già toccato il suo picco, e in realtà negli ultimi due anni si osserva una stagnazione” della produzione americana, ha sostenuto ancora Novak.