Cronaca Mondo

“Napoli come Detroit, fallirà”, il report di Bloomberg News

"Napoli come Detroit, fallirà", il report di Bloomberg News

“Napoli come Detroit, fallirà”, il report di Bloomberg News

ROMA – “Napoli come Detroit, fallirà”, il report di Bloomberg News. Cosa unisce la motor-city Detroit alla città del sole Napoli? Secondo Bloomberg News, l’influente sito del tycoon ed ex sindaco di New York Michael Bloomberg, è la bancarotta, il fallimento dell’amministrazione. Napoli, il cui dissesto finanziario ammonta a un miliardo di euro, rischia come Detroit il fallimento. Cioè, perché il fatto assuma il rilievo, e l’allarme che merita, niente stipendi per 20 mila impiegati, sospensione dei servizi pubblici essenziali, commissariamento.

Il report dell’Agenzia Bloomberg, che spiega agli americani la situazione economica ormai fuori controllo in cui versa Napoli, si avvale della consulenza di un ex “insider”, Riccardo Realfonzo, economista ed ex assessore al Bilancio nella città partenopea: “Napoli è tecnicamente in bancarotta, se la Corte non cambia idea non potrà più ricevere prestiti dallo Stato”, spiega, alludendo alla bocciatura senza appello della Corte dei Conti. L’evocazione di Detroit drammatizza gli scenari possibili, visto che si fa riferimento al più grande fallimento municipale negli USA, 18 miliardi di dollari di passività, niente soldi per pagare la polizia, i pompieri e gli altri servizi per i 700mila residenti della città. Bloomberg traccia uno scenario disastroso, con pericolosi effetti a catena:

Il danno di un possibile default di Napoli non può essere limitato alla città. Un certo numero di banche internazionali tra cui Barclays ( BARC ) Plc, Deutsche Bank AG ( DBK ) e UBS AG ( UBSN ) hanno contratti in derivati con Napoli , secondo un documento pubblicato sul sito internet della città e allegato ai documenti di bilancio dello scorso anno. Con un prodotto interno lordo pro capite pari al 65 per cento della media nazionale, l’economia di Napoli potrebbe non essere in grado di sostenere un nuovo piano di ristrutturazione che include l’aumento delle tasse. Secondo le ultime statistiche disponibili in città, a partire dal 2012, Napoli ha avuto un tasso disoccupazione del 22,6 per cento, più del doppio del 10,7%, percentuale italiana. (Agenzia Bloomberg)

To Top