Brasile: narcotrafficante “Lacoste” tortura i nemici con i coccodrilli

Pubblicato il 16 agosto 2012 20:21 | Ultimo aggiornamento: 16 agosto 2012 20:23

coccodrillo braccioRIO DE JANEIRO – C’è un narcotrafficante brasiliano, Wallace de Brito, che viene chiamato “Lacoste” e tortura i suoi nemici con dei coccodrilli. O forse è meglio dire torturava visto che la polizia di Rio de Janeiro ha sequestrato due cuccioli di coccodrillo a casa sua.

Secondo le forze dell’ordine, l’uomo – 25 anni, accusato di essere il boss della droga nella ‘favela’ Serrinha, situata nella zona nord della metropoli carioca – usava i rettili per intimidire e torturare i nemici, oltre a coloro che non obbedivano ai suoi ordini. Durante l’operazione militare, sono state trovate anche armi, munizioni e ingenti quantitativi di stupefacenti. Cinque sospetti sono morti nello scontro a fuoco con i soldati delle Forze speciali (Bope). ‘Lacoste’ – per la cui cattura la polizia ha offerto una ricompensa di 500 dollari – è invece riuscito a fuggire. I cuccioli di coccodrillo sono stati nel frattempo condotti allo zoo cittadino.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other