Nastya Rybka, l’escort arrestata in Thailandia: “Pronta a parlare del rapporto tra Putin e Trump”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 22 marzo 2018 5:08 | Ultimo aggiornamento: 22 marzo 2018 6:24
Nastya Rybka

Nastya Rybka

MOSCA – Nastya Rybka, escort che sostiene di essere stata l’amante di un miliardario russo, ha dichiarato che se l’America la farà uscire dalle carceri tahilandesi, dove è attualmente detenuta, sarà pronta a rivelare le presunte connessioni di Mosca alle elezioni presidenziali USA del 2016.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela

Nel 2016, dopo aver filmato il miliardario Oleg Deripaska e il vice primo ministro russo Sergei Prikhodko sullo yacht privato di Deripaska, la Rybka ha dato il via a uno scandalo per corruzione.
Su Instagram, martedì scorso ha sollecitato l’aiuto degli USA: è stata arrestata in Thailandia insieme ad altre nove persone accusate di essere esperte di sesso e di tenere un corso sui “rapporti sessuali”.
In cambio di un aiuto da parte delle autorità, Rybka ha detto che darà informazioni sui legami tra il Cremlino e Washington, D.C. sull’elezione di Trump, di essere in possesso di prove “audio e video”.

“Se torniamo in Russia moriremo in prigione o ci uccideranno’, ha scritto sul suo account Instagram. “Stati Uniti, vi prego, aiutateci a non morire per mano dei russi!”.
Nel video, Rybka dice che lei e i suoi “collaboratori” sono stati arrestati per ordine di qualcuno da Bangkok, pagato per spedirla in prigione.
Il “guru del sesso” Alex Lesley, 36 anni, ha affermato di aver avuto un ruolo negli eventi che in Russia hanno portato YouTube e Instagram a essere minacciati di divieto a livello nazionale.
La sua “studentessa” Rybka ha affermato che insieme ad altre modelle, due anni fa erano state ingaggiate per trascorrere del tempo su uno yacht al largo della Norvegia.
Lesley incoraggia le “studentesse” a filmare le conquiste “affinché possa dare consigli su cosa sbagliano o fanno bene”, cosa che ha eseguito Rybka, autrice anche di un libro il cui titolo dice tutto: “Come sedurre un miliardario”.

Lesley gestisce una “accademia del sesso” che trasforma le allieve in una nuova generazione di cacciatrici di uomini, scrive il Daily Mail.
Il libro e i numerosi post su Instagram della Rybka hanno inavvertitamente esposto i legami tra il Cremlino e un miliardario russo che aveva fatto affari con Paul Manafort, l’ex direttore della campagna di Trump.
L’incontro del 2016 tra Deripaska e Prikhodko, che secondo quanto riferito sarebbe stato registrato da Rybka, sarebbe una prova di corruzione e tangenti, secondo l’opposizione russa capeggiata da Alexei Navalny.
In un video, i due uomini possono essere ascoltati mentre parlano di “cattive relazioni con l’America” e “Nuland”, riferendosi a Victoria Nuland, l’allora assistente del Segretario di Stato per gli affari europei ed eurasiatici nell’amministrazione Obama.
Rybka afferma inoltre di avere avuto una relazione con Deripaska e afferma di essere stata ingaggiata per trascorrere del tempo sullo yacht dell’oligarca.
L’escort, originaria della Bielorussia ma ora vive a Dubai, ha pubblicato diversi video nell’agosto 2016, in cui si vedono Deripaska e Prikhodko parlare sullo yacht. Sono stati presi da Navalny come parte di un’indagine.
In un frammento, Deripaska spiega a Rybka perché i rapporti tra la Russia e gli Stati Uniti sono pessimi:”Perché l’amica di Sergey Eduardovich Prikhodko, Nuland è il nome, ne è responsabile. Da giovane, ha trascorso un mese su una baleniera russa, e dopo l’esperienza, ha odiato il paese”.
Due settimane fa, un tribunale russo ha stabilito che i video e le immagini devono essere rimossi dai social media, Instagram e YouTube, perché invadono la privacy di Deripaska.

Deripaska ha ottenuto l’ordinanza dal tribunale distrettuale di Ust-Labinsk nella regione nativa di Krasnodar in cui è richiesta la rimozione di 14 post su Instagram e sette video su YouTube che “violano il suo diritto alla privacy”, secondo BloombergQuint.
Da allora i video sono scomparsi sia da YouTube che su Instagram.
Navalny ha affermato che i video erano prove della corruzione del governo e ipotizzato se l’incontro avesse qualcosa a che fare con la campagna presidenziale di Trump, in particolare i collegamenti di Deripaska riferiti a Manafort.
Un portavoce di Deripaska ha respinto il report di Navalny bollando le ipotesi come “scandalose e mendaci guidate dal sensazionalismo. Rifiutiamo totalmente queste accuse false oltraggiose in ogni modo possibile”.
Deripaska è una figura controversa che è stata collegata sia al presidente russo Vladimir Putin che a Manafort, scrive il Daily Mail.
Manafort si è offerto di  informare Deripaska sull’andamento della campagna elettorale sulla corsa presidenziale degli Stati Uniti, secondo un report del Washington Post, anche se non ci sono prove abbia mai avuto luogo.
Nel 2014, l’oligarca lo denunciò perché aveva nei suoi confronti un debito da 19 milioni di dollari per un investimento andato male in alcune attività in Ucraina.
Nel 2008, è stato al centro di uno scandalo politico britannico, quando è emerso che l’allora cancelliere ombra George Osborne, Lord Peter Mandelson e Nat Rothschild, erede della nota famiglia di banchieri, avevano trascorso una serata sul suo yacht Queen K a Corfù.
A Navalny, è stato vietato di partecipare alle elezioni presidenziali in Russia, il dissidente è noto per indagare sul comportamento di noti personaggi russi.