Navalny, tribunale di Mosca conferma 3 anni di carcere. Lui cita la Bibbia e Harry Potter

di redazione Blitz
Pubblicato il 20 Febbraio 2021 14:04 | Ultimo aggiornamento: 20 Febbraio 2021 14:04
Navalny, tribunale di Mosca conferma 3 anni di carcere. Lui cita la Bibbia e Harry Potter

Navalny, tribunale di Mosca conferma 3 anni di carcere. Lui cita la Bibbia e Harry Potter (Foto Ansa)

Alexey Navalny deve restare in carcere. Il tribunale di Mosca ha confermato la pena a quasi 3 anni di detenzione per l’oppositore russo, accusato di non aver rispettato le norme della condizionale concessagli per una vecchia e controversa condanna.

La corte ha tuttavia ridotto di un mese e mezzo il periodo di carcerazione di due anni e otto mesi tenendo conto dei mesi trascorsi ai domiciliari. “Hanno ridotto la pena di un mese e mezzo, bene”, ha detto Navalny commentando la sentenza. 

Il blogger era ricorso in appello contro la sentenza di condanna per violazione dei termini della libertà provvisoria, relativa ad una condanna per frode del 2014.

Condanna che è stata confermata nonostante il fatto che Navalny sia stato costretto lo scorso anno a violare i termini stabiliti dal tribunale, perché ricoverato d’urgenza in Germania a seguito del tentativo di avvelenamento con un agente nervino, del quale è sospettata l’intelligence russa.

Navalny in tribunale cita la Bibbia e Harry Potter

Nel suo intervento in tribunale, Navalny ha citato la Bibbia e Harry Potter. “La Bibbia dice: Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia perché saranno saziati”, ha affermato.

“Non rimpiango di essere tornato. Sono soddisfatto di non aver infranto questo comandamento in un momento difficile”, ha aggiunto il dissidente, arrestato non appena è tornato in Russia dalla Germania, dove era stato curato dopo un presunto avvelenamento per il quale si sospetta l’intelligence del Cremlino.

Navalny ha poi citato anche un personaggio di Harry Potter, Luna Lovegood, dicendo che è importante “non sentirsi soli” perché questo è quello che vorrebbe Lord Voldemort, il principale antagonista di Harry Potter nella serie letteraria. Il nostro Valdemort del palazzo – ha detto Navalny in quello che pare un riferimento a Putin – vuole che io sia solo”. Lo riporta la Bbc in russo. 

Navalny, il Cremlino: “Suo futuro non ci riguarda”

Il futuro politico dell’oppositore Alexey Navalny non è affare del Cremlino. Così il portavoce di Putin ha risposto ai giornalisti che gli chiedevano delle prospettive del suo rivale numero.

“Questo – ha detto Peskov – non è assolutamente affar nostro, sapete che abbiamo una legislazione che regola la procedura per la partecipazione dei cittadini al processo elettorale, dà loro il diritto di eleggere e di essere eletti”.

“Questo vale per tutti i cittadini del paese che in qualche modo non sono colpiti da limitazioni dei diritti in conformità alle nostre leggi russe”. Lo riporta l’agenzia Interfax