I Neanderthal avevano palati raffinati: nel menu carne arrosto, verdure e cervello

di Caterina Galloni
Pubblicato il 6 Settembre 2020 19:55 | Ultimo aggiornamento: 7 Settembre 2020 8:44
I Neanderthal dal palato raffinato: nel menu carne arrosto, verdure e cervello

I Neanderthal avevano palati raffinati: nel menu carne arrosto, verdure e cervello

I Neanderthal, ritenuti a torto meno intelligenti e più arretrati rispetto ai Sapiens, avevano palati molto raffinati.

Nel menu dei Neanderthal erano presenti carni arrosto, verdure e prelibatezze come cervello, lingue e bulbi oculari di animali.

Molte prove hanno dimostrato che i nostri antenati erano molto evoluti: realizzavano utensili all’avanguardia, creato arte e musica e utilizzato i farmaci.

L’archeologa Wragg Sykes ora ha scoperto che avevano anche palati raffinati.

Secondo Sykes, i Neanderthal mangiavano una vasta gamma di cibo: dal bisonte al castoro, agli insetti.

Nella loro dieta erano presenti le verdure, pasti cucinati che contenevano il doppio delle calorie “che assumiamo attualmente”.

Nel libro “Kindred: Neanderthal Life, Love, Death and Art”, uscito negli Stati Uniti a ottobre, Wragg Syke sfata alcuni miti alimentari sui nostri cugini evolutivi.

I Neanderthal non avevano la reputazione di bravi cacciatori e cercavano il cibo tra le prede uccise da altri carnivori.

Quando le prove fossili hanno mostrato che erano in realtà super predatori, è subentrata la teoria che cacciassero solo selvaggina gigante, come i mammut, e si estinsero nel momento in cui si estinse la megafauna.

Ma metodi archeologici innovativi fanno pensare che “i Neanderthal fossero in grado di cacciare conigli, uccelli o castori, procurarsi il cibo nelle pozze di scogliera e nelle acque costiere”.

“Mangiavano più piante di quanto si credesse in passato”, ha detto Wragg Sykes DailyMail.com.

“Consumavano molta carne cruda, “che mantiene tutte le sostanze nutritive”, ha spiegato Wragg Sykes. Ma ci sono prove che arrostivano le pietanze o forse le bollivano all’interno dello stomaco degli animali.

Gli scienziati stanno valutando se i Neanderthal essiccavano o affumicavano la carne.

I Neanderthal avevano bisogno di 3500/5000 calorie al giorno

Scoperta la loro esistenza per la prima volta nel 1856, i Neanderthal sono noti per la loro fronte sfuggente, il naso grande e largo e le arcate sopracciliari prominenti.

Erano più bassi e più robusti rispetto all’essere umano contemporaneo ma il loro cervello era altrettanto grande, spesso più grande.

I Neanderthal erano voraci. Secondo Kindred, per sopravvivere avevano bisogno di assumere da 3.500 a 5.000 calorie al giorno e fino a 7.000 in contesti ambientali più rigidi.

Per sfamarsi hanno divorato cavalli, renne, rinoceronti, bufali d’acqua, gazzelle, cinghiali, cammelli giganti e probabilmente elefanti e mammut lanosi.

“Hanno catturato quasi tutte le prede di notevoli dimensioni adattandosi a cacciare la selvaggina di medie dimensioni”, ha scritto Wragg Sykes.

Erano cacciatori esperti, “ma ciò non significa che abbiano ucciso gli animali indiscriminatamente.

“Hanno iniziato a cacciare specie particolari, ma quasi sempre scegliendo gli animali più carnosi o più grassi “.

Non tutte le loro prede erano grandi: Wragg Sykes ipotizza che nel menu c’erano anche api, larve, mosche, zecche, pidocchi e altri insetti.

Wragg Sykes spera che il suo libro stimoli le persone a capire che i Neanderthal pur vivendo in habitat disparati erano uniti dalla “curiosità, creatività e interesse per la qualità”. (Fonte: Daily Mail).