Neonato carbonizzato su ambulanza: medici lo abbandonano

di redazione Blitz
Pubblicato il 15 Dicembre 2015 11:58 | Ultimo aggiornamento: 15 Dicembre 2015 11:58
Neonato carbonizzato su ambulanza: medici lo abbandonano

Neonato carbonizzato su ambulanza: medici lo abbandonano

ROMA – E’ morto carbonizzato sull’ambulanza mentre il medico e l’infermiera si sono messi in salvo saltando giù dal veicolo. E’ morto così un neonato di appena 24 ore a Thane, in India. I due operatori sanitari che lo avevano preso in carico lo hanno abbandonato a bordo dell’ambulanza quando hanno visto le fiamme divampare da una bombola dell’ossigeno.

La tragedia si è consumata giovedì: il bimbo venuto al mondo il giorno prima era tenuto sotto osservazione in ospedale per alcune complicazioni. I medici non vedendo alcun miglioramento hanno disposto il trasferimento del neonato in un altro centro specializzato dove avrebbe potuto godere delle cure necessario. Alle 23 lo hanno caricato su un’ambulanza che lo avrebbe dovuto portare verso la salvezza, ma pochi minuti dopo la partenza è scoppiato l’incendio.

Il medico e l’infermiera, in preda al panico, sono saltati giù dall’ambulanza, temendo l’imminente esplosione. Non hanno pensato però di portare con sé il piccolo che nel giro di pochi istanti è stato avvolto dalle fiamme. I due sono stati a loro volta soccorsi e sono attualmente ricoverati all’ospedale civile di Thane: lui ha riportato ustioni sul 21% del corpo, lei sul 7%.

Sul caso, che ha creato parecchio scalpore in India, indaga la polizia: si cerca di determinare eventuali responsabilità del medico e dell’infermiera nella morte del piccolo e se la bombola abbia preso fuoco per un difetto di fabbrica o per scarsa manutenzione. Ma al momento il fascicolo di indagine parla di morte accidentale.