New Jersey, accoltella la sorella gemella mentre è ubriaca: condannata a sei anni

di Caterina Galloni
Pubblicato il 26 Novembre 2019 7:01 | Ultimo aggiornamento: 26 Novembre 2019 1:08
anna ramirez, foto facebook

Anna Ramirez (foto Facebook)


ROMA – Amanda Ramirez, 27 anni del New Jersey, lo scorso giugno aveva accoltellato a morte la gemella Anna mentre erano entrambe ubriache, durante un litigio esploso davanti alle rispettive abitazioni a Camden.
 
Condannata a sei anni di prigione, in Tribunale la donna, in lacrime, ha dichiarato di non ricordare il motivo per cui ha ucciso la sorella, secondo quanto riportato NJ.com. La famiglia si sta prendendo cura dei figli delle gemelle; l’avvocato difensore Jordan Zeitz, ha affermato che l’omicidio non ha a che fare con la depressione postpartum.
 
Ramirez inizialmente aveva negato di aver accoltellato la gemella ma in seguito ha confessato sostenendo di aver agito per legittima difesa: la sorella aveva preso un coltello e si era avvicinata.
Ramirez ha riferito che l’ha accoltellata dopo una notte trascorsa a bere e aggiunto che non ricordava perché avevano iniziato a litigare. Rissa che si era conclusa quando Ramirez ha colpito la gemella al torace.
 
Secondo le autorità, a scatenare il micidiale conflitto potrebbe essere stato un triangolo amoroso ma la sorella Monika Medina, 19 anni, sostiene che le gemelle non avrebbero litigato a causa di un uomo. “Litigavano come cane e gatto, ma erano inseparabili”, aveva detto Medina al New York Post.
Poche ore prima della morte di Anna, le gemelle avevano postato una foto su Facebook insieme a due amiche ed erano sorridenti. 
 
Fonte: Daily Mail