New Mexico, bimbi segregati in baracca e addestrati per stragi nelle scuole

di Redazione Blitz
Pubblicato il 8 agosto 2018 22:32 | Ultimo aggiornamento: 8 agosto 2018 22:32
New Mexico, bimbi segregati e addestrati per sparatorie in scuole

New Mexico, bimbi segregati in baracca e addestrati per stragi nelle scuole

NEW YORK – Nella baracca degli orrori in New Mexico gli 11 bambini segregati venivano addestrati a compiere sparatorie nelle scuole. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] E’ la rivelazione inquietante che emerge dai documenti depositati dalle autorità in tribunale.Documenti che puntano il dito contro uno degli uomini arrestati, Siraj Ibn Wahhaj, per il quale le forze dell’ordine chiedono l’arresto senza possibilità di cauzione.

Nella baracca sono stati rivenuti anche i resti di un bambino non ancora identificato e che non si esclude possa essere essere il figlio di Wahhaj, sparito da dicembre, quando il padre lo ha prelevato dalla casa della madre in Georgia. Il bambino aveva allora 3 anni e da quel momento di lui non si è saputo più nulla. Secondo il mandato di cattura emesso dalla Georgia, Wahhaj voleva compiere un esorcismo sul bambino.

Wahhaj è una delle cinque persone fermate nella baracca degli orrori in New Mexico, non lontano dal confine con il Colorado. Con lui sono stati fermati un altro uomo e tre donne, presumibilmente le mamme di alcuni dei bambini ritrovati in condizioni disperate: pelle e ossa con indosso stracci, affamati e impauriti. La polizia è intervenuta solo la scorsa settimana nonostante le ripetute segnalazioni dei vicini, da mesi preoccupati per quella baracca.

”Sono arrivati ad Amalia in dicembre, con abbastanza soldi per fare la spesa e acquistare attrezzature per costruire” un’abitazione, riferisce ai media americani Tyler Anderson, meccanico che vive nelle vicinanze e che li ha inizialmente aiutati a installare pannelli solari. Anderson ha incontrato nel corso dei primi mesi tutti e due gli uomini fermati dalle autorità, ma non ha mai visto le tre donne. ”I bambini più piccoli inizialmente giocavano con i vicini”, aggiunge. Poi con il passare dei giorni anche i bimbi sono lentamente scomparsi.

Jason Badger, proprietario dell’area in cui si trovava la baracca, spiega di aver esercitato un forte pressing sulle autorità affinché la rimuovessero la baracca sulla scia dei timori per lo stato di salute del bambini. La sua ripetuta richiesta è però caduta nel vuoto: un giudice locale ha infatti respinto la nota di sfratto di Badger, consentendo di fatto a Wahhaj e i suoi di restare nella baracca.

Nel mirino delle critiche per non aver agito tempestivamente, le autorità si sono difese in più di un’occasione negli ultimi giorni, spiegando che non c’erano i presupposti per un mandato di perquisizione e per visitare la baracca, anche se questa era sotto osservazione da parte dell’Fbi. Gli agenti federali stavano monitorando eventuali tracce del figlio di Wahhaj dopo che la madre aveva esposto denuncia. La svolta è stata un mandato di perquisizione proveniente dalla Georgia dopo che le autorità avevano ricevuto un messaggio disperato da qualcuno nella baracca. Chi lo ha inviato e come abbia fatto non è ancora chiaro, ma almeno gli 11 bimbi sequestrati sono ora al riparo dai loro aguzzini.