New York, figlio bamboccione di 30 anni non vuole lasciare casa: genitori lo portano in tribunale

di Redazione Blitz
Pubblicato il 24 maggio 2018 14:58 | Ultimo aggiornamento: 24 maggio 2018 14:58
New York, figlio bamboccione cacciato di casa da genitori e giudice

New York, figlio bamboccione di 30 anni non vuole lasciare casa: genitori lo portano in tribunale

NEW YORK – Il figlio bamboccione di 30 anni non vuole lasciare la casa dei genitori e il caso è finito in tribunale. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] Il giudice di New York Donald Greenwood ha dato ragione a Mark e Christina Rotondo, intimando al figlio Michael di lasciare la casa dei genitori.

Più volte i coniugi Rotondo che vivono a Syracuse avevano invitato il figlio a trovarsi un lavoro e andare a vivere da solo, offrendogli anche un sostegno economico per diventare indipendente, ma lui si rifiutava. Dallo scorso febbraio i Rotondo hanno iniziato a inviare delle lettere al figlio, che non collaborava in alcun modo in casa, e gli hanno donato 1100 dollari per trovarsi una sistemazione, soldi che Michael ha incassato senza però muoversi.

Non sono poi mancati i consigli, con i genitori che dopo aver assunto un avvocato gli chiedevano di trovarsi un lavoro: “Ci sono posti disponibili anche per coloro con una pessima storia lavorativa, come te”. Ma Michael non aveva intenzione di iniziare a lavorare, nonostante i suoi 30 anni, né di vendere i suoi oggetti di valore per sostenersi e così il caso è finito in tribunale.

Il giudice Greenwood ha così ascoltato le motivazioni di Michael, lunga barba e lunghi capello, che sosteneva che in quanto figlio avesse diritto ad un preavviso di almeno 6 mesi prima dello sfratto. Il giudice però non è stato d’accordo e ha ordinato al giovane bamboccione di lasciare la casa paterna, ritenendo il preavviso dato ai genitori più che sufficiente. “Ti voglio fuori”, ha ordinato il magistrato. I coniugi Rotondo non hanno commentato la sentenza, mentre Michael si è già detto pronto a ricorrere in appello e ha definito il provvedimento “oltraggioso”: “Non vedo perché non possiamo semplicemente aspettare un po’ prima che me ne vada”.

(Video da YouTube)

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other