New York, la parabola di Ludwig Paz: da poliziotto stimato a boss di lucciole e gioco d’azzardo

di Redazione Blitz
Pubblicato il 18 settembre 2018 5:30 | Ultimo aggiornamento: 17 settembre 2018 19:25
Ludwig Paz da stimato poliziotto a boss di New York

New York, la parabola di Ludwig Paz: da poliziotto stimato a boss di lucciole e gioco d’azzardo

NEW YORK – Nel giro di dieci anni, il 51enne ecuadoriano Ludwig Paz da poliziotto stimato del NYPD è diventato capo di un giro di prostituzione e gioco d’azzardo. Paz, un ex militare, era entrato nella pattuglia stradale nell’84° distretto di Brooklyn Heights, poi nel 2007 un brutto divorzio dalla moglie Sonia e l’obbligo di versare un’ingente somma di denaro per gli alimenti lo hanno cambiato.

Secondo quanto raccontato a The Post da alcuni suoi ex colleghi, lo tsunami finanziario lo avrebbe spinto a gestire un giro di prostituzione e gioco d’azzardo. “Inizialmente aveva cercato un secondo lavoro per arrotondare ma aveva dei problemi”, ricorda un ex collega. I Pm ritengono che Paz, del Queens Village, abbia usato il suo know-how per gestire bordelli nel Queens, a Brooklyn e Hempstead a New York.

Sono stati arrestati anche sette poliziotti del Dipartimento di Polizia di New York, compresi tre sergenti, che avvertivano Paz degli imminenti raid delle forze di polizia nei bordelli. La catena di bordelli dell’ex poliziotto includeva uno squallido appartamento a Bedford-Stuyvesant, Brooklyn, dove gli incontri avvenivano su un materasso sporco illuminato da una plafoniera rossa. Quando nel 1990 è entrato nel NYPD, Paz era considerato un agente rispettoso, sopportava con senso dell’umorismo le prese in giro dei latinoamericani dell’84° distretto.

“Lo prendevano in giro perché è basso e non somiglia ad altri latinos di Porto Rico o della Repubblica Dominicana”, ha detto l’ex capo, che ha chiesto di mantenere l’anonimato. Nel 2007, Paz e sua moglie, non è noto quanti figli abbia avuto la coppia, vivevano in un appartamento al piano terra a Ozone Park, nel Queens. Nello stesso anno, Sonia ha chiesto il divorzio ed è iniziata una battaglia per la casa, per gli alimenti, al punto che sia lui che la moglie avevano chiesto un reciproco ordine restrittivo.

Dallo stipendio di Paz furono detratti automaticamente gli alimenti e iniziò a cercare un secondo lavoro. “Era al verde”, racconta l’ex capo. Circa un anno dopo Paz è andato in pensione e, probabilmente, ha iniziato la gestione a tempo pieno dei bordelli garantendosi ottime entrate di denaro. Al momento dell’arresto di Paz e della seconda moglie, Arelis Peralta, la coppia viveva nel lusso, in una bella casa a due piani nel Queens Village.

“Possedevano macchine costose, SUV e Mercedes, erano talmente numerose che non avevano spazio per parcheggiarle e bloccavano i vialetti d’accesso”, ha detto un vicino al Post. La moglie Peralta, e le sue figlie, indossavano abiti e borse firmati Louis Vuitton e Gucci, ha riferito un altro vicino, aggiungendo che “stavano per conto loro, non socializzavano con nessuno”.