Nigeria. Bambina kamikaze 7 anni Boko Haram in un mercato, 5 morti

Pubblicato il 23 febbraio 2015 8:41 | Ultimo aggiornamento: 23 febbraio 2015 8:41
Madre Boko Haram prepara figlia al martirio

Madre Boko Haram prepara figlia al martirio

NIGERIA, LAGOS – L’indicibile barbarie ancora una volta e la furia distruttrice degli islamici di Boko Haram non risparmia nemmeno i bambini, indottrinati al martirio. Domenica una piccola di 7 anni si è fatta esplodere nei pressi di un mercato nella città nigeriana di Potiskum, nel nord-est del Paese, uccidendo cinque persone e ferendone diciannove.

Il copione è quello tristemente noto ormai da tempo, perchè l’attacco a Potiskum è l’ultimo di una serie in cui terroristi islamici hanno utilizzato donne giovanissime, persino bambine.

Nell’attentato odierno, avvenuto nella capitale dello Stato di Yobe, la ragazzina è stata allontanata diverse volte dagli agenti della sicurezza perchè, hanno riferito, non aveva nulla da fare nel mercato. Ad un certo punto, però, è riuscita ad sfuggire al loro controllo e si è fatta esplodere.

Nessuno ha rivendicato la strage, ma tutto fa pensare ai Boko Haram, che dal 2014 hanno iniziato ad arruolare donne kamikaze, spesso molto giovani, per la facilita’ con la quale le combattenti possono nascondere esplosivi sotto le loro tuniche, eludendo cosi’ i controlli della sicurezza.

L’ultimo, in ordine di tempo, risale al 15 febbraio, quando una sedicenne si è fatta esplodere a Damaturu, uccidendo almeno 16 persone e causando una trentina di feriti. Il 10 gennaio, una bambina kamikaze di 10 anni era saltata in aria a Maiduguri uccidendo una ventina di persone. L’ennesima strage di domenia getta un’ulteriore ombra sulla sicurezza in Nigeria, con l’approssimarsi delle elezioni parlamentari e presidenziali, il 28 marzo.

Proprio domenica il presidente Goodluck Jonathan ha ammesso di aver sottovalutato la forza dei Boko Haram, che dal 2009 hanno scatenato una guerra civile nel nord-est del Paese per istaurare uno stato islamico in Africa Centrale, estendendo le proprie operazioni anche in Camerun, Ciad e Niger: un conflitto che finora ha provocato 14 mila morti e oltre un milione e 600 mila sfollati.