Nigeria/ Fuggiti da Maiduguri i fondamentalisti che avevano in ostaggio 180 donne. In totale i morti degli scontri sono 300

Pubblicato il 29 Luglio 2009 22:18 | Ultimo aggiornamento: 29 Luglio 2009 22:18

I fondamentalisti islamici che avevano segregato oltre 180 donne e bambini in un edificio di Maiduguri, nel nord della Nigeria, si sono dati alla fuga dopo un lungo combattimento contro l’esercito.

«Abbiamo ripreso il possesso della loro enclave, sono in fuga e li stiamo inseguendo», ha affermato il colonnello Ben Ahonotu che ha condotto le operazioni.

Negli ultimi quattro giorni di guerriglia tra l’esercito e i miliziani islamici della setta Boko Haram sono morte almeno 300 persone. I Boko Haram (che significa “l’educazione occidentale è un peccato”) sono giovani jihadisti che si ispirano ai talebani afghani e che hanno come obiettivo quello di introdurre nel Paese una rigida sharia (la legge islamica).