Nigeria, nuovi scontri tra cristiani e musulmani: 26 morti

Pubblicato il 18 Gennaio 2010 14:44 | Ultimo aggiornamento: 18 Gennaio 2010 14:44

Almeno 26 persone sono morte e oltre 300 ferite nei violenti scontri fra cristiani e musulmani nella città di Jos, nel centro della Nigeria.

Lo afferma l’imam della principale moschea della città, dove le due religioni vivono fianco a fianco e dove le autorità hanno imposto il coprifuoco.

«Da ieri (17 gennaio) abbiamo ricevuto 16 cadaveri», ha detto l’imam Balarab Daud, precisando che il giorno prima i copri erano stati 10. Secondo una fonte della polizia nigeriana, gli scontri sono stati scatenati dalla costruzione di una moschea all’interno del quartiere a maggioranza cristiana di Nassarawa Gwom.

Nel novembre del 2008 a Jos rimasero uccise centinaia di persone in violenti scontri interreligiosi. Nella popolosa Nigeria, dove convivono oltre 200 etnie, il numero dei cristiani e dei musulmani sono più o meno equivalenti: c’è una netta prevalenza dei primi negli stati del sud e dei secondi in quelli del nord, in alcuni dei quali vige la sharia, la legge coranica.