Nucleare iraniano, Fidel Castro: “Israele attaccherà gli impianti di uranio, ma Teheran non si piegherà”

Pubblicato il 9 Giugno 2010 15:47 | Ultimo aggiornamento: 9 Giugno 2010 16:04

Fidel Castro

“L’Iran non si piegherà alle minacce d’Israele”: lo ha detto in una nuova ‘riflessione’ pubblicata sulla Prensa Latina l’ex presidente cubano Fidel Castro.

Il capo di Stato ha anche detto di non temere un attacco nucleare dello Stato ebraico contro gli impianti di arricchimento dell’uranio iraniani.

Dopo aver rilevato che la Repubblica islamica “è un paese con più di 70 milioni di abitanti e con tradizioni religiose ben note”, il lider maximo ha sottolineato che Teheran “‘non accetterà mai le insolenti minacce di nessun avversario”.

“Molto presto gli arcireazionari che governano Israele si scontreranno con l’indomabile resistenza dell’Iran”, ha assicurato. Israele, prosegue Fidel, è di fatto pronto ad “agire come sempre, con fanatismo fascista, così come hanno fatto i soldati delle truppe d’élite lanciati da elicotteri contro una flottiglia solidale che portava alimenti alla popolazione assediata a Gaza. E’ ovvio che cercheranno di distruggere gli stabilimenti dove l’Iran arricchisce una parte dell’uranio che produce. E’ altrettanto ovvio che l’Iran non si rassegnerà a tale iniquo trattamento”.

Secondo Castro è “molto grave che l’Onu non abbia modo di cambiare il corso degli avvenimenti”. Ricordando “la considerevole potenza nucleare” creata dagli Usa in Israele, Castro ha concluso sottolineando che “le conseguenze degli intrighi imperialisti degli Usa possono essere catastrofici e colpire gli abitanti del pianeta, molto di più di tutte le crisi economiche messe insieme”.