Nucleare Iran, Khamenei: “Non ottimista su negoziati. Ambasciate Usa covi spie”

di redazione Blitz
Pubblicato il 3 Novembre 2013 10:10 | Ultimo aggiornamento: 3 Novembre 2013 10:10
Nucleare Iran, Khamenei: "Non ottimista su negoziati. Ambasciate Usa covi spie"

Alì Khamenei, guida suprema dell’Iran

TEHERAN – “Non sono ottimista” sui negoziati nucleari ma le trattative non produrranno alcuna perdita per l’Iran. Lo ha detto la guida suprema dell’Iran, l’Ajatollah Alì Khamenei, in un discorso agli studenti di Teheran. Questa “esperienza aumenterà il potenziale della nazione”, ha affermato la guida spirituale. Se i negoziati nucleari arriveranno ad una conclusione, ha detto ancora Khamenei, “sarà un bene”.

In caso contrario comunque, ha aggiunto, l’Iran sarà in grado di resistere e “reggersi sulle proprie gambe”. Il leader tra l’altro ha esortato a non indebolire “chi assolve al proprio compito” come fanno i negoziatori nucleari iraniani. Non chiamateli “inclini al compromesso”, ha ammonito l’Ajatollah, “Sono i nostri figli e figli della rivoluzione”.

Alla vigilia del 34° anniversario della presa dell’ambasciata Usa a Teheran, Khamenei ha aggiunto che la rivoluzione islamica era nel giusto a considerare la sede diplomatica un centro di spionaggio. Di più: per la guida suprema iraniana, “tutte le ambasciate americane dei paesi più vicini” agli Stati Uniti sono “covi di spie”.