Nuova Zelanda, inventano molestie per far licenziare il professore con cui hanno litigato

di redazione Blitz
Pubblicato il 6 aprile 2018 18:54 | Ultimo aggiornamento: 6 aprile 2018 18:54
Nuova Zelanda, molestie per far licenziare prof

Nuova Zelanda, inventano molestie per far licenziare il professore (foto Ansa)

AUCKLAND – Per far licenziare il professore con cui avevano litigato in classe, un gruppo di allieve minorenni hanno inventato carezze moleste e palpeggiamenti avvenuti durante le lezioni.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano e Ladyblitz in queste App per Android. Scaricate qui Blitz e qui Ladyblitz.

E così un professore di Auckland in Nuova Zelanda, dopo 40 anni di onorato servizio era stato licenziato in tronco dalla scuola a causa di queste pesantissime accuse. Le allieve minorenni erano state sostenute ed aiutare da alcuni loro compagni per rendere la vicenda più veritiera. Solo quando si è giunti in aula una delle vittime si è tirata indietro rivelando che si era inventata tutto. Le altre due invece hanno continuato a sostenere di essere state vittime di molestie, raccontando come l’uomo abbia accarezzato loro i capelli e sfiorato il seno. A smentirle però è arrivata la testimonianza di un altro alunno della classe che ha rivelato che le due avevano un solo scopo: far licenziare l’insegnante.

Tutto sarebbe iniziato dopo un brusco rimprovero da parte del prof al gruppetto di ragazzine che lo stavano esasperando. L’uomo ha raccontato di essersi arrabbiato e di aver deciso una punizione per le alunne. E guarda caso, dopo pochi giorni è arrivata la prima accusa.

La ricostruzione è stata accolta dalla giuria  e il prof è stato scagionato da ogni accusa e riammesso a scuola. “Quando è arrivato il verdetto, sono rimasto senza parole, sollevato e arrabbiato dallo stesso tempo perché i miei genitori anziani, la famiglia e gli amici hanno dovuto affrontare il trauma di un anno di inferno. Solo grazie al supporto di colleghi, amici e familiari ho potuto continuare ad avere la parvenza di una vita normale” ha dichiarato l’insegnante pienamente riabilitato ai media locali.