Oklahoma, cucina il cuore della vicina con le patate. Quindi lo offre a zio e nipote e ammazza tutti

di Caterina Galloni
Pubblicato il 28 Febbraio 2021 15:00 | Ultimo aggiornamento: 26 Febbraio 2021 17:00
Oklahoma cucina cuore vicina

Oklahoma, cucina cuore vicina con le patate (frame youtube)

Oklahoma, cucina il cuore della vicina con le patate. Uccide la vicina, le  estrae il cuore dal petto e lo cucina con le patate. Prima di offrirlo come pasto ai familiari per liberarli dai demoni.

Quindi, accoltella a morte lo zio e una bambina di quattro anni, Una zia è sopravvissuta all’assalto omicida.

Oklahoma, cucina il cuore della vicina con le patate. Poi ammazza zio e nipote

In Oklahoma, il 9 febbraio scorso, Lawrence Paul Anderson, 42 anni, reo confesso, ha accoltellato a morte la vicina, Andrea Lynn Blankenship, 41 anni, nella sua casa di Chickasha.

Secondo l’Oklahoma State Bureau of Investigation (citato dal Daily Mail), lo stesso giorno è tornato nella sua abitazione e ha accoltellato tre persone: lo zio, la zia e la loro nipotina.

Quando la polizia è intervenuta ha trovato lo zio, Leon Pye, 67 anni, e la bambina, Kaeos Yates, ancora feriti. È stata dichiarata morta in un’ambulanza che la stava portando in ospedale.

La zia, Delsie Pye, è stata accoltellata ad entrambi gli occhi ma ce l’ha fatta. Anderson durante l’interrogatorio ha rivelato il raccapricciante pasto finale elargito alla famiglia dopo aver ucciso Blankenship.

“Ha cucinato il cuore con le patate da far mangiare alla famiglia per allontanare i demoni”, ha scritto un agente dell’OSBI in una testimonianza per il tribunale.

Quando è emerso che Anderson, per precedenti reati, era stato rilasciato dalla prigione all’inizio di gennaio, il caso ha sollevato indignazione, come riferito da Oklahoman.

Condannato a 20 anni, poi a 9, era uscito sulla parola

Nel 2017 era stato condannato a 20 anni dietro le sbarre per reati di armi e droga. Al giudice aveva detto che stava assumendo farmaci per il disturbo bipolare.

In seguito il governatore Kevin Stitt aveva commutato la pena a nove anni su segnalazione dell’Oklahoma Pardon and Parole Board.

È stato rilasciato sulla parola il mese scorso ed era andato a vivere con gli zii. Il procuratore distrettuale della contea di Grady Jason Hicks ora ha accusato Anderson di tre omicidi di primo grado. E due accuse di reato per aggressione, percosse e mutilazione con un’arma mortale.

Nel corso della prima udienza in tribunale, Anderson ha detto al giudice, singhiozzando:”Non voglio nessuna cauzione, vostro onore. Non voglio nessuna cauzione”. Secondo Hicks, la pena di morte “è un’opzione”.