Olimpiadi Pechino 2022, Daily Mail: “Atleti positivi rinchiusi in ‘gulag olimpici’ con cibo scadente”

di Caterina Galloni
Pubblicato il 7 Febbraio 2022 - 18:25
Valeria Vasnetsova, foto Instagram

Valeria Vasnetsova, una biatleta russa, ha postato su Instagram questa foto (poi cancellata) che mostra il pasto che ha mangiato per tre volte al giorno per tre giorni consecutivi mentre era in isolamento per il Covid

In Cina, le Olimpiadi stanno sollevando numerose polemiche. Secondo quanto riferisce il Daily Mail, gli atleti risultati positivi al test e messi in quarantena, vivrebbero in condizioni terribili.

Dirk Schimmelpfennig, capo della squadra tedesca, ha criticato duramente le condizioni “inaccettabili” in cui si trovano gli atleti in isolamento. Locali molto piccoli, le condizioni igieniche scarse, poco cibo e la poca attendibilità dei test.

Valeria Vasnetsova, 24enne biatleta russa, sembra non aver gradito l’hotel in cui ha trascorso il periodo di isolamento nonché il cibo ed ha pubblicato una foto che mostra quello che ha mangato per tre volte al giorno per tre giorni. Natalia Maliszewska, pattinatrice polacca, ha raccontato che a causa dei test per una settimana ha vissuto nel terrore. “Test positivi, incerti, con risultati contrastanti”. Ha descritto “traumatica” l’esperienza.

Cina, Daily Mail parla di “gulag olimpici” in cui vengono racchiusi gli atleti positivi

Per il Daily Mail si tratta di una sorta di “gulag olimpici”. Alle Olimpiadi attualmente sembra ci siano 387 persone in isolamento tra atleti, membri delle squadre e la stampa.

Vincent Zhou, pattinatore artistico americano, è risultato positivo così come la snowboarder austriaca Sabine Schöffmann. Jukka Jalonen, capo della squadra finlandese di hockey su ghiaccio, ha dichiarato che la Cina sta violando i diritti umani di uno dei suoi fuoriclasse tenuto in isolamento nonostante i medici della squadra lo abbiano autorizzato a giocare. Da quando è risultato positivo, Marko Anttila è rinchiuso in una struttura di isolamento e nonostante sia privo di sintomi rimane in quarantena.

Le rigide regole cinesi

Secondo le rigide regole cinesi, le persone possono uscire dall’isolamento solo dopo essere risultate negative a due test molecolari effettuati a 24 ore di distanza. Tuttavia, l’Oms mette in guardia dall’uso dei test molecolari per determinare i periodi di isolamento. Le persone, dopo il contagio, per settimane potrebbero risultare positive poiché nel corpo sono presenti piccole tracce del virus.

Kit McConnell, direttore sportivo del Comitato Olimpico Internazionale, ha affermato che l’isolamento degli atleti è una priorità assoluta. Ha aggiunto che il Cio ha avuto una telefonata con i funzionari olimpici dei paesi rappresentati ai Giochi per comprendere i problemi che gli atleti stanno affrontando.

L’allenatore della Germania, Christian Schwaiger, si è lamentato della mancanza di pasti caldi per gli atleti: “Il catering è estremamente discutibile, perché in realtà non è catering”, ha commentato l’allenatore. “Mi aspettavo che il Comitato Olimpico fosse in grado di fornire pasti caldi. Ci sono patatine, noci e cioccolato e nient’altro”.