Orfanotrofio-lager in Russia: 27 bambini morti per denutrizione

Pubblicato il 15 ottobre 2011 10:47 | Ultimo aggiornamento: 15 ottobre 2011 11:06

MOSCA, 15 OTT – Un orfanotrofio-lager, con una trentina di bambini morti in gran parte per denutrizione o soffocamento da cibo: l’istituto degli orrori e’ stato scoperto a Miski, nella regione siberiana di Kemerovo, dove sono ricoverati 400 bambini con malattie congenite che impediscono loro di muoversi e/o di mangiare.

Negli ultimi due anni e mezzo ci sono stati 27 morti e sono spariti 670 mila rubli (16 mila euro) versati dallo Stato per l’ assistenza ai piccoli una volta maggiorenni. La procura ha aperto un’inchiesta. Ora la procura locale ha aperto un’inchiesta e il direttore dell’istituto, indagato per negligenza colposa e abuso d’ufficio, si e’ dimesso.

Tutto e’ partito dalla morte per denutrizione di un bambino di 11 anni, che pesava solo 10 kg. ”Abbiamo visto bambini in tali condizioni solo nei documentari sui campi di concentramento nazista”, ha commentato indignato il procuratore Oleg Zaratovski, come riferisce il tabloid Komsomolskaia Pravda. Su 27 decessi, come accertato dalle autopsie, 11 sono stati causati da soffocamento da cibo: le infermiere, infatti, alimentavano per via orale anche i piccoli che dovevano essere nutriti solo con la flebo.