Il padre era un nazista ad Auschwitz, lui sceglie di diventare ebreo: la storia di Bernd Wollschlaeger

di Caterina Galloni
Pubblicato il 25 Ottobre 2020 11:00 | Ultimo aggiornamento: 25 Ottobre 2020 17:37
Il padre era un nazista che mandava a morte gli ebrei ad Auschwitz e lui ha scelto di diventare ebreo: è la storia di Bernd Wollschlaeger

Il padre era un nazista che mandava a morte gli ebrei ad Auschwitz e lui ha scelto di diventare ebreo: è la storia di Bernd Wollschlaeger (Foto Ansa)

Il padre era un nazista che mandava a morte gli ebrei ad Auschwitz e lui ha scelto di diventare ebreo: è la storia di Bernd Wollschlaeger

“Mio padre era un nazista che mandava le persone a morire ad Auschwitz e ho scelto di diventare ebreo”. E’ l’incredibile storia di Bernd Wollschlaeger che si è convertito e ha prestato servizio nell’esercito israeliano dopo aver scoperto gli orrori commessi da padre Arthur, comandante nazista decorato da Adolf Hitler con la Croce di Ferro.

A Bernd Wollschlaeger, cresciuto a Bamberg, in Baviera, era stato insegnato che l’Olocausto era una bugia e che suo padre, Arthur Wollschlaeger, era un eroe di guerra.

Arthur era stato decorato personalmente da Hitler per le sue azioni sul fronte orientale, dove era comandante dei carri armati sotto il generale Heinz Guderian.

Ma non ottenne la gloriosa morte in battaglia che si aspettava: fu catturato nel 1945 e il suo unico figlio, Bernd, nacque nel 1958.

“Quello che mi raccontava era una storia da cavaliere con un’armatura splendente”, ha detto Bernd, 62 anni.

“E i suoi compagni di guerra, che venivano a casa nostra almeno una volta all’anno per ricordare i “bei vecchi tempi” dicevano che mio padre era un eroe e che dovevo rispettarlo come tale. Per cui da bambino lo ammiravo.

“Ma nella mia mente c’erano dei punti interrogativi”.

Il primo riguardava la casa.

I dubbi di Bernd Wollschlaeger sul padre nazista

Per una bizzarra coincidenza, i Wollschlaegers vivevano in una casa di proprietà della vedova di Claus von Stauffenberg, l’uomo che tentò di assassinare Adolf Hitler.

La vedova viveva al piano di sopra e Bernd, che giocava con i suoi nipoti, viveva al piano di sotto con la sua famiglia.

Bernd ha ricordato: “Mio padre si riferiva a Claus come a un “traditore”.

“Ma la moglie, i nipoti e le foto che ho visto nella casa al piano di sopra indicavano completamente il contrario: era un uomo amorevole e premuroso.

Bernd iniziò a pensare “Perché mio padre dice che è un traditore?”.

Ma per il giovane, il “punto di svolta” arrivò quando i palestinesi uccisero 11 membri della squadra olimpica israeliana – sei allenatori e cinque atleti – ai Giochi estivi del 1972 a Monaco.

“Mi chiedevo perché – non sapevo ancora dell’Olocausto – mio padre non ne parla? Perché è così arrabbiato?

“Aveva solo fatto riferimento al massacro degli atleti israeliani, dicendo:”Guarda cosa ci fanno di nuovo! Gli ebrei stanno minando la nostra reputazione per farci sembrare cattivi”.

E il massacro aveva sollevato un’altra domanda: se gli ebrei erano stati di nuovo uccisi in Germania, quando era già accaduto?

A dire la verità furono i suoi insegnanti. Bernd rimase scioccato e al contempo perplesso perché se il padre era un eroe di guerra doveva sapere qualcosa.

Le domande senza risposta

Aveva posto delle domande ad Arthur e lui rispose che era tutta una bugia, gli insegnanti erano comunisti e l’Olocausto non era mai accaduto.

“Sospettavo ci fosse una grande lacuna, un buco nero su cui mio padre non voleva far luce, e più leggevo, più imparavo”, ha detto Bernd.

“Più studiavo, più arrivavo alla conclusione che mio padre era un bugiardo.”

Solo quando era ubriaco il padre smetteva di mentire ma “non si è mai scusato per quello che è successo agli ebrei”.

“Una volta mi ha detto che il mondo avrebbe dovuto celebrare quello che hanno fatto i tedeschi, perché ci siamo sbarazzati dei parassiti”.

In seguito aveva scoperto che in Russia l’unità del padre spargeva terrore nei villaggi ebraici, massacrava la gente del posto e strappava le pagine dalla Torah nelle sinagoghe per isolare i serbatoi.

Non ultimo, aveva scoperto che il padre aveva mandato delle persone a morire ad Auschwitz.

“Sapeva esattamente cosa fosse Auschwitz. Ha partecipato allo sterminio degli ebrei”.

Determinato a saperne di più sulle persone che il padre aveva perseguitato, il giovane tedesco chiese al suo insegnante, un ex prete gesuita, di aiutarlo.

Il sacerdote aveva portato Bernd a un vertice interreligioso annuale organizzato dalla chiesa, progettato per riunire ebrei e arabi di Israele.

Bernd ha ricordato: “Ho stretto un legame con una ragazza israeliana e lei ha detto: “Se vuoi vedermi di nuovo, devi venire in Israele”, cosa che feci tre mesi dopo”.

L’arrivo in Israele

Ha preso un treno per l’Italia e un traghetto attraverso il Mediterraneo, e i genitori della ragazza lo hanno accolto nel loro minuscolo appartamento.

Un’esperienza che lo aveva trasformato.

“Mi hanno ospitato come un fratello perduto da tempo”, ha detto Bernd.

“Ho chiesto al padre come aveva imparato il tedesco e mi ha mostrato il numero tatuato sull’avambraccio. Sono rimasto scioccato”.

‘Non mi ha incolpato per questo, era un uomo molto, molto gentile. Era stato ad Auschwitz.

“Mi aveva detto: “Non odio i tedeschi, ma voglio sapere se ti insegnano quanto è accaduto”. Ho risposto: “probabilmente non abbastanza”.

“Mi ha portato allo Yad Vashem, il memoriale dell’Olocausto a Gerusalemme, e lì ho capito l’entità dello sterminio e sono crollato emotivamente. Ho pianto”.

Il ritorno in Germania

Al ritorno a Bamberg, Bernd si offrì di aiutare la sua comunità ebraica locale come uno Shabbat goy, un gentile che svolge determinate attività proibite agli ebrei durante il sabato.

“Più mi avvicinavo a questa famiglia di elezione – e conoscevo la liturgia, la lingua, le abitudini – più mi sentivo distante dalla mia famiglia di origine e arrivai alla rottura”.

Il momento decisivo fu quando gli chiesero di dire il kaddish – una preghiera ebraica – sulla tomba di un amico anziano che era morto senza avere accanto la famiglia.

Durante l’Olocausto l’uomo era stato un Sonderkommando – un ebreo costretto, pena la morte, ad assistere all’assassinio della sua stessa gente – e se ne vergognava profondamente.

“Quando l’ho fatto, sapevo di aver varcato la soglia. Non ero più tedesco”, ha spiegato Bernd.

La conversione: Bernd diventa ebreo

Chiese a Itzhak Rosenberg, allora capo della piccola comunità ebraica della città, di aiutarlo a convertirsi.

La domanda di conversione fu rifiutata per due anni, ma alla fine Bernd nel 1986 cambiò religione.

A quel punto si era laureato in medicina e decise di andare in Israele, dove avrebbe prestato servizio nell’esercito come ufficiale medico.

Ha visto suo padre un’ultima volta, la notte prima di partire.

“Sono andato a salutarlo ma non voleva vedermi. Era ubriaco come sempre e mi ha definito “traditore”. Per lui è stato il tradimento finale”, ha aggiunto.

Arthur Wollschlaeger morì nel giugno 1987.

Le ultime parole all’unico figlio erano contenute in una serie di lettere inviate in Israele.

“Le ho lette 20 anni dopo ed erano parole sprezzanti e strazianti. Era combattuto tra il volermi bene come figlio e poi perdermi come figlio”.

Nel testamento aveva dichiarato esplicitamente che mi era proibito  partecipare al suo funerale, ma comunque Bernd non era presente.

“Mi è stato proibito di portare il suo cognome, di avvicinarmi alla sua tomba e sono stato definito traditore”.

Bernd ha lasciato Israele nel 1991, seguì la moglie, un’israeliana-americana, negli Stati Uniti da cui divorziò nel 1995.

Oggi è un medico di famiglia a Miami, in Florida, e ha tre figli. Tal, 31, Jade, 26 e Natalia, 23, tutti di religione ebraica.

Sebbene il padre non abbia mai disconosciuto il nazismo, Bernd – che racconta il suo viaggio spirituale nel libro di memorie “A German Life” – è riuscito a perdonarlo. (Fonte: Daily Mail)