Pakistan, 80 casi di sequestro da inizio anno. La maggior parte sono ragazze rapite

di Redazione Blitz
Pubblicato il 20 aprile 2018 6:15 | Ultimo aggiornamento: 19 aprile 2018 22:38
pakistan casi sequestro

Pakistan, 80 casi di sequestro da inizio anno. La maggior parte sono ragazze rapite

ROMA – In Pakistan, la maggior parte delle donne rapite vengono costrette a sposarsi con i rapitori e a Islamabad, la capitale, c’è un crescente numero di giovani coppie in fuga, secondo i report della polizia.

Dopo la fuga, le sprovvedute e disperate famiglie delle giovani e denunciano i casi di sequestro di persona in vari distretti della capitale, hanno riferito gli agenti.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela qui

Tutte le notizie di Ladyblitz in questa App per Android. Scaricatela qui

I dati della polizia hanno rivelato che tra il 1 gennaio e il 15 marzo di quest’anno, ben 80 casi di sequestro di persona sono stati poi archiviati come fuga. Lo scorso anno ci sono stati 160 casi, scrive The Express Tribune.

Gli agenti ritengono si tratti di fughe non volontarie e a volte si scopre che le ragazze sono state sottoposte a minacce di morte, aggressioni, ricatti e addirittura rapimenti.

Tuttavia, alcuni genitori di ragazze scomparse ritengono che in realtà la polizia faciliti questi “matrimoni” poiché a volte svolgono con lentezza la procedura. Secondo i report, diversi denuncianti hanno dovuto aspettare settimane prima che i casi venissero registrati.

Inoltre, è stato riferito che in diversi circostanze, la polizia ha permesso alla coppia di produrre i contratti di matrimonio per evitare la registrazione di una relazione informativa contro di loro.

D’altra parte, fonti della polizia affermano che circa il 90% delle ragazze rapite sono poi costrette a sposare il rapitore poiché temono l’esclusione sociale che potrebbe ridurre le possibilità di un altro matrimonio.

“Le ragazze rapite di solito sposano i loro rapitori per proteggere la dignità dei loro genitori”, scrive The Express Tribune.

Sulle accuse dei genitori alla polizia, un alto esponente ha tacciato i genitori di ignoranza o negligenza rispetto agli episodi di fuga.

Cellulari e social media hanno inoltre contribuito: per i genitori è difficile tenere traccia di ciò che le figlie stanno facendo o con chi sono impegnate online.

“A poco a poco, i giovani si innamorano e decidono di sposarsi per conto loro. I genitori devono tenere d’occhio i figli adolescenti e le loro attività, alcune relazioni possono diventare pericolose”, ha commentato l’ufficiale di polizia.